Vai al contenuto

Business Intelligence: cos’è e come applicarla nelle risorse umane? [+E-book]

business intelligence cos'è

Uno dei principali vantaggi dell’essere immersi nei dati è sapere come prendere decisioni migliori. Questo è esattamente ciò che predica la Business Intelligence. Ben oltre ad essere utilizzata solo per scopi aziendali, la business intelligence può essere un alleato dei responsabili delle Risorse Umane. Ma come?

Oggi, più che occuparsi di processi burocratici, le risorse umane devono essere consapevoli delle piattaforme che la tecnologia offre. Utilizzando strumenti che consentono di misurare, confrontare, prevedere e analizzare le prestazioni, il capitale umano dell’organizzazione può evolvere e portare risultati migliori. Tutto questo con l’aiuto dei dati che l’azienda già possiede.

In questo articolo spiegheremo cos’è la business intelligence e come può essere utilizzata nel contesto della gestione risorse umane. Parleremo anche dei vantaggi che una strategia basata sui dati può portare ai tuoi dipendenti.

Cos’è la business intelligence?

Per capire cos’è la business intelligence, bisogna innanzitutto sapere che il termine esiste dagli anni ’90 e può essere definito come l’atto di estrarre dati, spesso sotto forma di numeri, attraverso strumenti specifici.

Quando un’azienda dispone delle applicazioni e software giusti, può visualizzare i dati archiviati e utilizzare tali informazioni per prendere decisioni migliori. Queste decisioni si basano su dati reali, e non su tentativi di indovinare o approssimare. Lo scopo centrale della business intelligence è fornire informazioni grezze e far sì che possano avvenire riflessioni e cambiamenti.

Una frase che riassume bene cos’è la business intelligence è: “non puoi gestire ciò che non misuri”, come diceva il professore e statistico americano Edwards Deming, negli anni 50. In altre parole, tutto ciò che non può essere misurato e calcolato, non può essere gestito.

👉  Qui trovi una guida gratuita che ti spiegherà cos’è People Analytics.

Business intelligence: in che modo i dati fanno la differenza?

Prendiamo l’esempio di un caseificio che ha finito per perdere una grande quantità del suo prodotto a causa di un problema logistico. Facendo le domande giuste, puoi vedere come i dati portano cambiamenti nella vita reale.

Senza dati, come fai a sapere esattamente quanti prodotti sono stati persi e in quale fase del processo? Dove sono stati distribuiti e dove hanno cessato di essere distribuiti? Qual è il danno esatto di questo evento? È qui che nasce la necessità di indagare e comprendere cos’è la business intelligence.

La business intelligence porterà questi dati all’azienda, attraverso strumenti, software e programmi specifici in cui sono archiviate queste informazioni. Vengono quindi raggiunti dal reparto commerciale, vendite e logistica per pensare ai cambiamenti nel processo.

I numeri possono aiutare a  prevenire incidenti futuri e seguire l’andamento dei progetti dell’azienda. È lì che avviene la magia: i numeri su un tavolo si trasformano in azioni concrete.

Software HR Factorial

Come applicare la business intelligence nel dipartimento delle risorse umane?

Più che sapere cos’è la business intelligence, devi sapere come applicarla nel dipartimento delle risorse umane. Per fare ciò, chiediti prima cosa deve essere studiato. Con le giuste informazioni, puoi capire meglio l’azienda stessa e il mercato in cui opera.

Se il punto centrale è il dipendente, c’è HR Analytics. Questo metodo analitico mette al primo posto il capitale umano e crea valore per i tuoi dipendenti. Si tratta, in altre parole, di business intelligence rivolta all’area HR.

👉  Potrebbero interessarti i nostri 10 consigli sull’organizzazione delle risorse umane nelle start up.

In che modo l’HR Analytics viene applicato alle risorse umane?

E come si applica HR Analytics, o People Analytics, alle risorse umane? Supponiamo che tu debba rivedere le prestazioni di un dipendente degli ultimi 3 mesi.

Per questo, è necessario cercare i dati. Tra questi ci sono i risultati di feedback e soddisfazione, colloqui individuali, tempo medio e frequenza degli obiettivi raggiunti, tra gli altri.

Una volta raccolti questi dati, è il momento di decodificarli: questo dipendente sta andando bene secondo queste informazioni? Se sì, dove ottiene i maggiori risultati e perché? In caso negativo, qual è la problematica e cosa dice del metodo di lavoro di questo dipendente? Tutto ciò ha a che fare con il principio di People Analytics.

👉  In questo articolo ti spieghiamo cos’è l’HR analytics, come funziona e come può aiutare la tua azienda.

business intelligence

Ora, ecco 2 modi per applicare la business intelligence alle risorse umane con le metodologie di analisi delle persone:

Cerca un miglioramento sano e positivo

Ricorda, quando parliamo di People Analytics, vogliamo cercare soluzioni. Se i dati non sono così positivi, pensa a strategie per migliorarli e sfruttare il potenziale nascosto del collaboratore o del gruppo analizzato. Tutto questo al fine di ricercare un miglioramento sano e positivo.

Senza puntare il dito, suggerisci cambiamenti positivi che possono ottimizzare, come nell’esempio sopra, le prestazioni. Tutto questo, ovviamente, pensato insieme al responsabile di reparto, che può sicuramente dare preziosi suggerimenti. Forse quello che manca è la formazione aziendale, una maggiore integrazione con il team, o anche un maggior numero di feedback e incontri con il manager.

Proponi soluzioni

Questi dati quantitativi aiutano molto. Da quel momento in poi, è responsabilità delle risorse umane e del responsabile diretto cercare di capire cos’è la business intelligence e come è collegata a People Analytics, al fine di proporre soluzioni.

Vale la pena ricordare che è anche possibile confrontare i dati di una persona con un’altra per valutare come possono completarsi a vicenda nelle loro attività quotidiane. In sintesi, è molto importante identificare dove queste analisi possono davvero fare la differenza e utilizzarle per ottimizzare le aree più bisognose.

👉  Lo sai che l’utilizzo di un software HR all-in-one può essere la chiave per la gestione delle risorse umane?

Quali sono i vantaggi della business intelligence?

Ci sono numerosi vantaggi legati alla business intelligence. Tuttavia, questi vantaggi possono variare a seconda dell’area in cui verranno applicate queste metodologie. Di seguito, evidenziamo i maggiori vantaggi che le risorse umane possono ottenere dall’applicazione della business intelligence alle attività delle risorse umane:

1) Reclutamento e selezione completi

Oltre ad essere importante per coloro che sono già all’interno dell’organizzazione, la business intelligence offre vantaggi durante il reclutamento. E in che modo? Più i reclutatori conoscono l’azienda e le esigenze di ciascuna area, migliore sarà il processo di recruiting.

Indagare che tipo di profilo di persona viene assunto, qual è il background ideale del candidato e quale adattamento culture dovrebbe affrontare. Usa i dati che hai sui settori, la cultura e il mindset dell’azienda. Inoltre, vedere quali caratteristiche tecniche sono le più apprezzate in questo ambiente professionale.

Con tutto ciò in mano, è il momento di collegare i punti e vedere quale candidato si adatta meglio ai dati dell’azienda. Arrivati qui, se sai come farlo, saprai esattamente cos’è la business intelligence!

👉  Qui ti diamo 8 consigli per ottimizzare i colloqui online e il reclutamento a distanza.

2) Diminuire il turnover

Sapere cosa spinge i dipendenti a lasciare l’azienda è una delle chiavi per trattenere i talenti. Per questo, è essenziale effettuare valutazioni individuali dopo il licenziamento. Con questo, è possibile scoprire cosa deve essere migliorato in azienda e pensare ai cambiamenti.

Questi dati valgono oro. E uno dei più grandi errori di un’azienda può essere non scommettere su queste informazioni come un modo per ridurre il turnover del personale. Una volta che il dipendente non sarà più coinvolto nell’azienda, si sentirà più libero e più a suo agio nel commentare tutto ciò che non gli è piaciuto.

👉  Non sai come trattenere i migliori talenti? Leggi in questo articolo come ridurre il tasso di turnover con un software HR.

business intelligence software

3) Conservazione del talento

La business intelligence può aiutare a trattenere i talenti in azienda. Per fare ciò, effettua costanti sondaggi di valutazione, trimestrali o semestrali, con i dipendenti e confronta i dati ottenuti.

Un altro modo per trattenere i dipendenti è essere consapevoli dell’importanza della formazione, dello sviluppo e della crescita professionale. Presta attenzione a ogni settore dell’azienda e parla con i manager. Quando tutto è chiarito e le istruzioni sono trasparenti, le possibilità di avere dipendenti soddisfatti sono maggiori.

👉  In questo articolo trovi tutte le nostre istruzioni sul talent management dal recruiting alla retention.

4) Performance del capitale umano

Questo è uno dei motivi principali per cui viene utilizzata la business intelligence. Quando capiamo cos’è la business intelligence, diventa più facile guidare le prestazioni del capitale umano della tua azienda.

Soprattutto quando è il momento di definire gli obiettivi HR e i risultati chiave, chiamata anche metodologia OKR. Questo metodo consente di definire e pianificare gli obiettivi del dipendente, al fine di organizzare ciò che deve fornire.

I dati definiti da questi obiettivi possono essere utilizzati nella business intelligence. Pertanto, è possibile misurare le prestazioni del dipendente e ciò di cui ha bisogno per migliorare.

👉 Scarica qui un modello pronto all’uso per le valutazioni delle prestazioni

Strumento di analisi e gestione dei dati delle risorse umane

Ora che sai cos’è la business intelligence, dovresti chiederti quale strumento può aiutarti con questa elaborazione dei dati. Il software di Factorial è una delle opzioni che facilita l’acquisizione dei dati e riunisce un’enorme quantità di ricerche e valutazioni, oltre a elementi specifici per ciascun dipendente.

Tutto è disponibile su un’unica piattaforma, che riunisce i principali processi delle Risorse Umane e della Direzione del Personale. Con il software HR di Factorial è possibile:

  • Risparmiare tempo
  • Visualizzare rapidamente gli obiettivi e gli obiettivi di ciascun dipendente
  • Proteggere tutti i dati aziendali e dei dipendenti
  • Creare report personalizzati
  • Valutare i dipendenti e confrontare le informazioni
  • E altro ancora!

Ciò semplifica l’implementazione rapida di strategie di business intelligence. Tutti i dati sono pronti e disponibili per te. Scopri in questo brevissimo video cosa può fare Factorial per la tua azienda e prova il software per 14 giorni gratis:

✅ Ottimizza la gestione dei dati del tuo team: registrati gratuitamente e prova il software HR di Factorial per 14 giorni gratis

Questo articolo è disponibile anche in: Portugal, Brasil, Mexican

Isotta è Content Marketing Specialist in Factorial ed è appassionata di comunicazione, copywriting, social media e HR. Ama la natura, viaggiare e giocare a pallavolo.

Post correlati

Lascia un commento