Licenziamenti: come rispettare i diritti dei lavoratori

Licenziare un lavoratore è un compito abbastanza comune nelle aziende e spesso risulta scomodo per entrambe le parti. Bisogna tenere presente che nei licenziamenti ci saranno sempre due prospettive diverse:

  • Quello del datore di lavoro, che non ama un certo lavoratore per vari motivi.
  • E quello del lavoratore che verrà licenziato, che di solito pensa di aver fatto tutto bene e non capisce perché è stato licenziato.

Il licenziamento è una misura molto drastica e non è conveniente eseguirlo a caldo.

risorse umane

È molto importante che il reparto delle risorse umane pianifichi in maniera preventiva ogni licenziamento. Ciò impedirà di commettere alcuni errori di cui il lavoratore licenziato potrebbe approfittare. Per esempio, facendo sì che il suo licenziamento sia dichiarato ingiusto o nullo, il che danneggerebbe notevolmente la società.

👉 Devi gestire i lavoratori dalle risorse umane? Ottimizza la gestione dei talenti della tua azienda con il software Factorial

Sai quali sono gli errori più comuni che dovresti evitare quando licenzi un lavoratore?

In qualità di responsabile delle risorse umane, è necessario conoscere i passi corretti da eseguire quando si effettuano i licenziamenti. In questo modo eviterai di commettere gli errori tipici che potrebbero danneggiare la tua azienda. Quindi si raccomanda di leggere attentamente questo post, perché fornirà tutte le informazioni relative a questi errori. Inclusa, in fondo, vi è una lista di controllo per aiutarti a pianificare correttamente ogni licenziamento.

Iniziamo!

Tipi di errori durante il licenziamento

Tra gli errori più comuni che si verificano nei licenziamenti, è importante distinguere:

  • Errori derivanti dal mancato rispetto della legge: si tratta di quelli causati dal non rispettare i requisiti delle norme sul lavoro.
  • Errori derivanti dal modo in cui viene effettuato il licenziamento: sono quelli causati dall’ignoranza, dalla fretta o addirittura dal non voler offendere il lavoratore.

licenziamenti lavoro

👉 Per evitare questi errori bisogna assicurarsi di non prendere la decisione di licenziamento alla leggera. Il licenziamento deve essere attentamente valutato e devono essere seguite una serie di procedure formali in modo che tale decisione non si ritorca contro l’azienda.

Errori comuni nei licenziamenti

Il licenziamento è la sanzione più grave prevista dal diritto del lavoro per un lavoratore. Per questo è necessario farlo correttamente affinché il lavoratore non sia in grado di rivendicarlo e di dichiararlo illegittimo o nullo.

Possiamo raggruppare gli errori tipici dei licenziamenti in cinque gruppi a seconda della loro natura.

Vediamo quali sono! 😊

📌 Comunicazione dei licenziamenti 

Come sapete, in un licenziamento per giustificato motivo obiettivo la legge impone di notificare il lavoratore con 15 giorni di preavviso o di pagare l’equivalente economico. Tuttavia, nel licenziamento disciplinare, che è quello che si verifica per la condotta del lavoratore, non è obbligatorio. Così l’azienda è libera di decidere se comunicarlo in anticipo o meno. Qui uno degli errori più comuni consiste nel decidere di avvertire il lavoratore verbalmente, dimenticando che in questo modo il licenziamento non risulta formalmente comunicato.

Un licenziamento verbale con un preavviso abbondante può avere le seguenti conseguenze negative per l’azienda:

  • Lasciare che il lavoratore approfitti di questa situazione per prendere un congedo medico il giorno dopo l’avviso.
  • Far crescere nel dipendente il desiderio di danneggiare l’immagine dell’azienda. Questo può portare a far parlare male di essa ai clienti o ai fornitori.
  • Non è da escludere che possa rubare nel database dall’azienda. In questi casi un errore molto comune è quello di non tenere in conto lo svincolo del lavoratore quando sta per essere licenziato.

👉 Raccomandazione: Nei licenziamenti è meglio consegnare la lettera di licenziamento per giusta causa nello stesso momento in cui viene generata. Un’altra possibilità è quella di informare il lavoratore di un permesso retribuito se si desidera licenziarlo.

Nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo, poiché il lavoratore può anche sentirsi offeso quando ciò gli viene comunicato, è meglio valutare il profilo del dipendente, per capire se potrebbe creare un danno reale all’azienda. Per fare questo, dovremo esaminare le caratteristiche della posizione, controllare se ha accesso a clienti, fornitori o importanti database aziendali. Dovremo anche tener conto dalle risorse umane delle caratteristiche personali del lavoratore, valutare le sue qualità umane, se è una persona a cui si può dare fiducia, ecc.

📌 Lettera di licenziamento

Nel momento in cui il licenziamento deve essere comunicato al lavoratore, la legge impone all’azienda di fornirgli una lettera di licenziamento. L’azienda deve assicurarsi che il lavoratore si senta rispettato e compreso.

Uno degli errori più comuni nei licenziamenti è quello di dare la lettera al lavoratore e di riconsegnarla firmata un altro giorno. La lettera deve essere firmata nello stesso momento della consegna, ma nell’eseguire questo compito bisogna essere molto cauti.

È inutile cercare di far firmare il dipendente se non vuole. Meglio informarlo che per conservare una copia e portarla ai propri consulenti (rientra nei suoi diritti) è necessario firmare. Anche scrivendo “firmato per scopi di ricevimento, non contenuto”. In questo modo il lavoratore si sentirà più tranquillo e avrà lo stesso valore di una firma.

📌 Se il lavoratore si rifiuta di firmare

Se nei licenziamenti un lavoratore si rifiuta di firmare ci sono due opzioni:

  • 1° opzione: ottenere una testimonianza. Ciò significa far firmare due persone che hanno visto come la lettera di licenziamento sia stata consegnata al lavoratore e il lavoratore non ha voluto firmare. Questa opzione è la più aggressiva delle due.
  • 2° opzione: inviare automaticamente una raccomandata all’indirizzo del lavoratore in modo che il licenziamento sia comunicato formalmente. È molto importante assicurarsi di avere i dati aggiornati del lavoratore. Ricordiamo inoltre che per obbligo contrattuale il lavoratore quando entra in azienda deve comunicare qualsiasi variazione dei suoi dati personali e il suo domicilio.

📌 Circostanze particolari di ciascun lavoratore

Un altro errore comune è quello di non tener conto se il lavoratore da licenziare appartiene alle categorie protette, soprattutto dalla legge. In queste categorie troviamo le donne incinte, i membri del sindacato o i rappresentanti legali dei lavoratori.

La legge è diversa in caso di licenziamenti di lavoratori affiliati a un sindacato o a rappresentanti legali dei lavoratori. Infatti, esiste un fascicolo preventivo. Molti accordi collettivi stabiliscono l’obbligo che prima di qualsiasi tipo di sanzione debba essere rilasciato il fascicolo che servirà come base per la lettera di licenziamento. In esso sarà contenuta la condotta del lavoratore suscettibile di sanzionamento.

È obbligatorio, per legge, dare al lavoratore un limite di tempo per difendersi dall’accusa. Di solito nei contratti collettivi è stabilita la durata di quel periodo che può essere di circa 3 o 5 giorni.

Alcune aziende scelgono di fornire un preavviso retribuito.

Un errore molto tipico in questi casi da parte delle imprese è di iniziare una sorta di guerra con il lavoratore per indurlo a licenziarsi in maniera volontaria. Fare in modo che il lavoratore si senta a disagio in azienda e chieda il proprio licenziamento. In queste circostanze, di norma l’azienda rimuove il dipendente dalla propria occupazione o lo degrada dal punto di vista professionale. Tali licenziamenti possono essere dichiarati nulli.

📌 Veridicità della cattiva condotta del lavoratore

Un altro errore molto comune è quello di licenziare il lavoratore senza verificare che sia stato davvero lui a commettere il fatto che ha causato il suo licenziamento.

Non fidarti delle testimonianze degli altri!

📌 Disporre delle prove

È necessario disporre di prove per dimostrare la colpevolezza del lavoratore, perché se il lavoratore dovesse negare, si può dimostrare che il suo licenziamento è giustificato.

Checklist per pianificare correttamente i licenziamenti

Una volta appresi gli errori più comuni che si verificano durante un licenziamento possiamo stabilire una serie di passi da seguire affinché questo venga eseguito correttamente.

Prima del licenziamento: La prima cosa da fare è programmare una data per incontrarsi con il lavoratore e informarlo del suo licenziamento. Prima di tale data, è necessario:

  • Redigere la lettera di licenziamento, che deve essere scritta con tono rispettoso nei confronti del lavoratore.
  • Controllare se ci sono dei validi motivi per licenziarlo.
  • Nei licenziamenti è importante valutare il rapporto che abbiamo avuto con il lavoratore. Per verificare ciò possiamo controllare le e-mail che abbiamo scambiato con lui.
  • Verificare che non vi siano reclami di stipendio.
  • Verificare di avere i dati aggiornati del lavoratore.
  • Assicurarsi che il lavoratore non sia affiliato a un sindacato o che non sia un rappresentante legale dei lavoratori.

Al momento del licenziamento: è bene essere preparati alla possibilità che durante l’incontro il lavoratore reagisca piangendo o arrabbiandosi. Se questo dovesse accadere si consiglia di calmarlo e fargli sentire che lo capiamo.


Conclusione finale per evitare errori nei licenziamenti

Il licenziamento è una decisione molto difficile da prendere, perché colpisce sia i lavoratori che le aziende. Nei licenziamenti, alcuni errori molto tipici sono spesso commessi per ignoranza, fretta o addirittura per la buona volontà di non voler offendere il lavoratore. Il reparto risorse umane deve pianificare correttamente i licenziamenti. In questo modo si potrà evitare di cadere in questi errori e che in seguito al reclamo del lavoratore il licenziamento sia dichiarato nullo o ingiusto.

Gli errori più comuni includono mettere al corrente verbalmente un lavoratore di essere stato licenziato; consentire al lavoratore di non firmare la lettera di licenziamento nello stesso momento in cui viene consegnata; non tener conto del fatto che il lavoratore che deve essere licenziato è membro di un sindacato o un rappresentante legale dei lavoratori; non verificare se ci sono motivi effettivi per il licenziamento o non assicurarsi di avere prove sufficienti per dimostrare la colpa del lavoratore.

Grazie a questo post hai già imparato a distinguere quali sono gli errori più comuni che vengono fatti durante i licenziamenti. Inoltre, ti abbiamo fornito nell’ultima sezione una checklist in modo da non compiere errori quando si licenzia un lavoratore. Non c’è dubbio che con queste informazioni riuscirai ad pianificare correttamente i licenziamenti.

Iscriviti gratuitamente a Factorial e gestisci in maniera efficiente i tuoi dipendenti

Licenzia senza commettere errori! 😉

This post is also available in: English US Español

Leave a Comment