Vai al contenuto

Hard Skills: quali competenze tecniche creano impatto in azienda

·
11 minuti di lettura
hard skills esempi

Le hard skills sono competenze tecniche concrete che permettono ai dipendenti di essere più produttivi e di eseguire compiti specifici in modo più efficiente. 

Sei un CEO o un HR manager e ti stai chiedendo quali competenze tecniche potrebbero fare la differenza per la tua azienda? Quali hard skills sono più ricercate e che impatto hanno sui risultati aziendali? 

In questo articolo risponderemo a queste domande e ti forniremo tutte le informazioni di cui hai bisogno sulle hard skills e su come sviluppare le competenze interne dei tuoi dipendenti.

Software HR Valutazione delle performance hard skills, provalo gratis 14 giorni

Banner software valutazione performance e hard skills dipendenti

Hard Skills: che cosa sono

Qual è il significato di hard skills?

Le hard skills sono competenze tecniche concrete, misurabili e spesso legate a una formazione o a un’esperienza professionale specifica. 

Queste competenze possono essere acquisite tramite corsi, formazione o lavori pregressi e sono importanti perché permettono di svolgere compiti specifici e di avere un impatto tangibile sui risultati aziendali.

Perchè le hard skills sono importanti per l’azienda?

Le hard skills sono importanti perché permettono ai dipendenti di essere più produttivi e di eseguire compiti specifici in modo più efficiente. 

Infatti, le aziende che investono nello sviluppo delle hard skills dei loro dipendenti sono in grado di ottenere un maggiore impatto sui risultati aziendali e di rimanere competitive sul mercato.

Selezionare dipendenti con hard skills specifiche e rilevanti all’azienda è essenziale per valorizzare al meglio le risorse umane.

Differenze tra soft skills e hard skills

La differenza fondamentale tra soft skills e hard skills sta nel fatto che le prime sono più difficili da quantificare rispetto alle seconde. 

Mentre le hard skills possono essere dimostrate attraverso certificazioni o esperienze lavorative specifiche, le soft skills sono più soggettive e dipendono dall’interazione con gli altri.

Ad esempio, saper programmare in Java e sviluppare un software che funzioni è piuttosto oggettivo (hard skill), mentre la capacità di lavorare in gruppo è meno misurabile (soft skill).

Le soft skills sono quelle competenze che riguardano il modo in cui ci si relaziona con gli altri e come ci si presenta in pubblico. 

Alcuni esempi sono la capacità di comunicare in modo efficace, di lavorare in gruppo, di risolvere problemi e di prendere decisioni. 

Le soft skills sono competenze sono importanti perché influiscono sul modo in cui lavoriamo con gli altri e sul modo in cui gli altri percepiscono noi e il nostro lavoro.

👉Leggi anche “Soft Skills: la lista delle 10+1 competenze più richieste [+ Modello]”

D’altra parte, le hard skills sono competenze tecniche e specializzate che possono essere valutate e messe in pratica in modo oggettivo

Queste includono abilità come la programmazione software, la conoscenza di una lingua straniera o la capacità di analizzare i dati tramite strumenti come excel. 

Le hard skills sono fondamentali per svolgere determinate mansioni e sono spesso richieste nella fase di recruiting per un lavoro specifico.

È importante selezionare i professionisti che hanno intenzione di sviluppare e migliorare continuamente le proprie hard skills, così da mantenere team sempre competitivi e aggiornati.

Hard skills vs Soft skills: quali sono le più importanti?

Le soft skills ultimamente sono spesso considerate più importanti delle hard skills.

Come suggerisce un’analisi di LinkedIn, 3 professionisti su 5 (il 61%) reputano le soft skills importanti almeno tanto quanto le hard skills.

Ma in realtà le hard skills sono sempre cruciali per il successo in azienda. 

Infatti, le soft skills possono aiutare a creare relazioni positive e solide con colleghi, manager e clienti – mentre le hard skills elevano il valore misurabile dell’impatto che una specifica risorsa ha in azienda.

Detto ciò, nella maggior parte dei casi entrambe le tipologie di competenze sono essenziali per la produttività dei dipendenti nei rispettivi team.

Ci sono alcune casistiche, come la ricerca di un developer specifico o di un esperto di grafica, in cui puoi temporaneamente considerare meno rilevanti le soft skills, perché magari ti serve solo un lavoro il prima possibile e non miri a una collaborazione duratura.

Tuttavia, queste situazioni sono piuttosto rare.

Quindi, nella tua ricerca di talenti dovresti sempre valorizzarle allo stesso modo.

👉Può interessarti anche “Employability: significato, esempi e quali Soft e Hard Skill [+ Modello]

Quali sono le hard skills che generano più impatto in azienda

hard skills

In un mare di possibilità, abbiamo selezionato le 7 hard skills secondo noi più di impatto per le aziende nel 2023:

  • Data Literacy

La capacità di lavorare con i dati (Data Literacy) è una delle hard skills più importanti per il successo aziendale. 

In un’era in cui i dati sono la nuova moneta, le aziende che possono utilizzare i dati per prendere decisioni informate e migliorare le prestazioni aumentano la loro competitività sul mercato. 

  • Project Management

Il project management è un’altra hard skill chiave per il successo aziendale. 

Un buon project manager sa come coordinare e motivare un team, gestire il budget e i tempi, e assicurarsi che il progetto sia completato in modo efficiente.

Ad esempio, un project manager che riesce a terminare un progetto in anticipo e sotto budget potrebbe generare risparmi per l’azienda di centinaia di migliaia di euro (se non milioni per certi progetti).

  • Web Development

Il web development è una hard skill in costante richiesta, dato che tutte le aziende ora dipendono da (almeno) un sito web per la loro presenza online.

Un’azienda che sviluppa un sito web e lo mantiene in costante aggiornamento può attrarre più clienti e aumentare le conversioni. 

Inoltre, un developer interno che ottimizza sito, blog e pagine è sempre una risorsa di valore.

  • Programmazione low/no-code

La programmazione low/no-code sta diventando sempre più importante in un mondo in cui la tecnologia sta cambiando a un ritmo sempre più veloce. 

Con queste competenze, i dipendenti possono creare soluzioni tecnologiche efficienti senza dover conoscere profondamente la programmazione.

Ad esempio, un’azienda che implementa una soluzione low/no-code (dai file Excel agli script di Notion) per automatizzare i processi può aumentare la produttività globale di svariati punti percentuali.

  • Digital marketing

Il digital marketing è una hard skill fondamentale, poiché permette alle aziende di raggiungere (o ancora meglio, di attrarre) i potenziali clienti attraverso canali come email, social media e pubblicità online. 

Il reparto del marketing è come benzina per la macchina aziendale. 

Non possono mancare professionisti della SEO e delle campagne pubblicitarie all’interno delle tue risorse umane.

  • Sicurezza informatica

La competenza nella sicurezza informatica è sempre più cruciale in un’era in cui gli attacchi hacker sono all’ordine del giorno. 

I lavoratori con competenze in questo ambito possono aiutare a proteggere i dati sensibili dell’azienda e prevenire la perdita di informazioni (e di denaro). 

Infatti, un’azienda che investe in formazione per i propri dipendenti sulla sicurezza informatica può ridurre il rischio di un attacco cyber, risparmiando milioni di euro di dati sensibili in un eventuale incidente.

  • Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale sta diventando sempre più importante nella vita lavorativa di oggi e il futuro è ancora più promettente. 

Conoscere l’uso di strumenti di IA e le loro applicazioni, può aiutare un’azienda ad automatizzare processi, a migliorare la precisione delle previsioni e a velocizzare la risoluzione dei problemi. 

Per esempio, l’utilizzo di un modello di intelligenza artificiale per la previsione delle vendite può mostrare agli investitori dei dati reali su cui basare la scelta di investire del capitale aggiuntivo in azienda.

👉 Leggi l’articolo “Intelligenza artificiale: qual è il ruolo della IA nella gestione delle risorse umane”

Scarica QUI ruota delle competenze hard skills 2022

Esempi di Hard Skills

Di seguito trovi alcuni esempi di hard skills divise per categorie:

Marketing

Il marketing è un elemento cruciale per la crescita di qualsiasi azienda, ed è per questo che le hard skills in questo settore sono molto richieste. 

Ecco alcune delle hard skills più importanti nel marketing:

  • Digital Marketing: in generale, la conoscenza di come utilizzare i canali digitali per raggiungere il target di mercato e ottenere il massimo ritorno sull’investimento (ROI).
  • Branding:   capacità di creare e mantenere un’identità forte e coerente per il posizionamento aziendale.
  • Social Media Marketing: saper utilizzare i social media per promuovere brand e prodotti.
  • Copywriting: la capacità di scrivere testi di valore, persuasivi e coinvolgenti per annunci pubblicitari, email, siti web e altri materiali di marketing.

In un mondo sempre più digitale, le hard skills nel digital marketing sono sempre più essenziali. 

Una strategia di marketing ben pianificata ed eseguita può portare a una crescita significativa nelle vendite e nella visibilità del brand.

Vendita

La vendita è il motore di qualsiasi attività commerciale, e le hard skills nella vendita sono fondamentali per il successo. 

Ecco alcune delle hard skills intrinseche nella vendita:

  • Negoziazione: la capacità di ottenere il miglior accordo possibile per entrambe le parti.
  • Gestione delle obiezioni: la capacità di rispondere alle obiezioni dei clienti in modo efficace e persuasivo.
  • Comunicazione efficace: la capacità di comunicare in modo chiaro con i clienti, sia verbalmente che per iscritto.

Le hard skills nella vendita possono fare la differenza tra un’azienda che si distingue e una che passa inosservata. 

Un team di venditori abile e motivato può generare entrate significative e costruire relazioni durature con i clienti.

Finanza/Contabilità

La finanza e la contabilità sono elementi fondamentali per la salute finanziaria di un’azienda. 

Ecco alcune delle hard skills più importanti in questo settore:

  • Analisi finanziaria: l’abilità di interpretare i dati finanziari per prendere decisioni ponderate sulla base di informazioni oggettive.
  • Pianificazione finanziaria: la capacità di pianificare e gestire il bilancio aziendale per raggiungere gli obiettivi finanziari.
  • Contabilità: la conoscenza delle leggi fiscali e dei principi di accounting aiuta l’azienda a gestire al meglio incassi, contributi e investimenti.

Queste hard skills sono essenziali per gestire il lato economico-finanziario di un’azienda, senza cui non potrebbe prosperare in modo controllato.

Project management

Le competenze di project management sono molto richieste dalle aziende, soprattutto in quelle che hanno diverse operazioni in parallelo o che lavorano su progetti complessi.

  • Pianificazione strategica: la capacità di pianificare e coordinare progetti complessi per raggiungere obiettivi aziendali specifici.
  • Gestione del ciclo di vita del progetto: la capacità di monitorare e controllare lo stato di avanzamento del progetto, per assicurare che sia completato in modo tempestivo.
  • Software di project management: la capacità di utilizzare software come Basecamp o Notion per gestire i progetti.
  • Gestione dei task: la capacità di assegnare, monitorare e controllare i task per garantire il completamento del progetto.

Le competenze di project management permettono di evitare problemi e garantire il successo di qualsiasi progetto. 

Infatti, un buon project manager è in grado di gestire il budget, la scadenza, le risorse e la qualità del progetto. 

Inoltre, è in grado di comunicare efficacemente con il team e gli stakeholders, identificare e gestire i rischi e adattarsi alle situazioni impreviste. 

Come aumentare le competenze in azienda grazie alla formazione interna

Fino ad ora abbiamo visto cos’è importante a livello di skills per le aziende, e quindi su quali professionisti investire.

Ora è il momento di capire come migliorare le risorse già presenti all’interno della realtà aziendale.

Per aumentare le competenze, sia di hard skills che di soft skills, è essenziale investire in formazione interna. 

Questo può essere fatto attraverso corsi, workshop e mentoring, ma anche creando delle abitudini di lettura e di studio di nuovi argomenti all’interno dei team.

La formazione interna aiuta i dipendenti a sviluppare nuove competenze e a migliorare quelle già esistenti, aumentando così la produttività e la competitività dell’azienda. 

Inoltre, il 48% dei lavoratori americani cambierebbe lavoro se trovasse opportunità di formazione migliori altrove (Gallup) – quindi la formazione interna aumenta anche l’employer branding (e riduce il tasso di turnover).

Scarica QUI il la guida all'Employer Branding

Ora vediamo alcuni esempi di come puoi sviluppare le competenze in azienda grazie alla formazione interna:

Corsi e Workshop

I corsi e i workshop sono un modo efficace per aumentare le competenze dei dipendenti. 

In realtà, corsi e workshop possono essere organizzati internamente o esternamente, a seconda delle esigenze dell’azienda.

Ad esempio, un’azienda che vuole migliorare le conoscenze in materia di digital marketing può organizzare un corso su questo argomento per i propri dipendenti (a prescindere dal reparto!).

Mentoring

Il mentoring è un’altra modalità di formazione interna che consiste nell’affidare a un dipendente più esperto il compito di aiutare un altro dipendente a sviluppare le proprie competenze. 

Questo metodo è particolarmente utile per le soft skills, come la leadership e la gestione delle relazioni.

Abitudini di Lettura e Studio

Incoraggiare le abitudini di lettura e di studio all’interno dei team può aiutare i dipendenti a sviluppare continuamente le loro competenze – anche oltre le ore di lavoro.

Ad esempio, puoi dare ai dipendenti accesso a libri, articoli e risorse online sulle ultime tendenze del settore o su argomenti specifici di loro interesse. 

Una buona idea è quella di creare una sorta di caffè letterario in un momento di pausa, per stimolare anche il team building e il wellbeing dei dipendenti.

In definitiva, la formazione interna è un fattore cruciale per aumentare le competenze dei dipendenti e migliorare l’efficienza aziendale, attirando anche più talenti.

Attraverso corsi, workshop, mentoring e abitudini di lettura, le aziende possono investire nella crescita e nello sviluppo dei propri dipendenti, preparandosi per le sfide future del mercato.

👉Leggi anche “Lifelong learning: cos’è e come applicarlo nella formazione aziendale”.

Mappatura delle competenze: scopri quali hard skills sono più carenti in azienda

HR Report con Factorial

La mappatura delle competenze aiuta le aziende a identificare le skills che sono più carenti all’interno dell’azienda. 

Questo processo consiste nell’analizzare il profilo delle competenze dei dipendenti e nell’identificare le lacune. 

Vediamo nel dettaglio come potresti procedere nella mappatura delle competenze:

Analisi del profilo delle competenze

La mappatura delle competenze inizia con l’analisi del profilo delle competenze dei dipendenti. 

Questo processo consiste nell’individuare le competenze attuali di ogni dipendente, sia in termini di hard skills che di soft skills.

Per ottenere una visione completa del profilo delle competenze, puoi utilizzare diversi strumenti come questionari, interviste e valutazioni delle prestazioni.

Questi strumenti possono aiutarti a identificare le competenze specifiche che ogni dipendente possiede e a comprendere il loro livello di abilità in determinate aree.

Identificazione delle lacune

Una volta che hai analizzato il profilo delle competenze dei dipendenti, puoi identificare le lacune e le opportunità di miglioramento. 

Ad esempio, se l’analisi dei dati mostra che molte persone non hanno competenze specifiche di project management, questo potrebbe essere un segnale che l’azienda dovrebbe investire in formazione per colmare questa lacuna.

Inoltre, la mappatura delle competenze offre anche un’opportunità per le aziende di pianificare il futuro. 

Infatti, se un’azienda sta crescendo rapidamente e sta acquisendo nuovi clienti, potrebbe essere necessario sviluppare competenze specifiche per supportare questa crescita. 

Questa mappatura può aiutare l’azienda a identificare i dipendenti che hanno le competenze necessarie per supportare questa crescita e a pianificare il futuro sviluppo della formazione interna.

La mappatura delle competenze dovrebbe essere effettuata periodicamente, ad esempio ogni anno, per garantire che le competenze dei dipendenti siano sempre allineate alle esigenze aziendali.

Valutazione delle competenze grazie ad un software HR

Il lavoro di ricerca, analisi ed elaborazione dei dati per valutare le competenze interne non è affatto semplice.

Le risorse richieste al reparto HR e a tutti i partecipanti nell’indagine diventano sempre più grandi via via che l’azienda cresce.

Per questo motivo dovresti considerare l’utilizzo di un software HR.

Un software HR come Factorial ti permette di valutare in maniera rapida una serie di dati, monitorando performance e competenze dei dipendenti in azienda da una semplice dashboard.

Ecco cosa ottieni con l’aiuto di Factorial:

Mappatura delle competenze in modo semplice e intuitivo

Con il software HR di Factorial, puoi mappare le competenze dei dipendenti in modo semplice e intuitivo. 

Infatti, il software raccoglie le informazioni sulle competenze attraverso questionari e valutazioni delle prestazioni impostati in automatico (tutto digitalizzato).

Il tuo compito sarà semplicemente quello d’impostare l’automazione e di discutere in seguito con gli stakeholder le azioni da intraprendere.

Identifica le lacune di competenze

Grazie agli insights accessibili in pochi click, puoi identificare le lacune delle competenze dei dipendenti in modo rapido e preciso. 

Questo ti aiuterà a capire esattamente quali aree devono essere potenziate attraverso la formazione interna e su quali invece puntare nei progetti futuri.

Monitora la crescita

Con Factorial puoi monitorare continuamente le competenze dei dipendenti e verificare se sono sempre allineate con le necessità aziendali. 

Puoi avere anche un monitoraggio storico di tutti i punteggi e delle risposte precedenti ai vari questionari.

In aggiunta, puoi decidere di mostrare ai dipendenti la loro crescita nelle competenze e quindi motivarli a svilupparle ancora di più.

Formazione personalizzata

Se la formazione interna è importante, un percorso di crescita personalizzato lo è ancora di più.

Infatti, grazie alle aree personali di ogni dipendente hai una panoramica su ciò che contraddistingue la singola persona – così puoi sviluppare un piano assieme al lavoratore, che allinei sia obiettivi aziendali sia ambizioni di carriera.

Per concludere, il software HR di Factorial è uno strumento innovativo che ti permette monitorare e migliorare le competenze interne risparmiando tempo nei vari processi operativi (e aumentando la precisione dell’output).

Grazie a Factorial ogni scelta sarà più semplice e accurata – che sia l’introduzione di un nuovo programma di formazione o l’assunzione di personale specializzato.

Inoltre, potrai implementare processi standard che valorizzino tempo ed energie dei tuoi talenti, senza sprecare risorse in attività poco produttive.

Implementa la mappatura delle competenze con Factorial – prova gratis per 14 giorni!

Nata a Piacenza e laureata in Economia e Gestione dei Beni Culturali presso l'Università Cattolica di Milano. Ha collaborato con una rivista di attualità culturale e mercato dell'arte. Ora vive a Barcellona dove lavora come Copywriter in Factorial e si dedica alla stesura di articoli e contenuti per il mercato italiano. Interessata alla digitalizzazione dei processi HR e agli strumenti di innovazione per la gestione del personale. Ama fare yoga, dedicarsi alla ceramica, viaggiare e guardare film.

Post correlati