Vai al contenuto

Mentoring: significato e come aiuta le risorse umane

In un mercato con così tante opzioni e sfide come oggi, è normale che molte persone si sentano perse e indecise riguardo al futuro. Tuttavia, ci sono molte tecniche che possono aiutare i professionisti nella ricerca dello sviluppo professionale e della conoscenza di sé. Uno di questi processi, sempre più conosciuto, è il Mentoring.

Il mentoring, che può essere applicato sia nella vita personale che professionale, aiuta a guidare e chiarire le questioni essenziali. Per il reparto risorse umane, conoscere l’importanza di questo processo come strategia di motivazione sul lavoro è essenziale, ad esempio, per mantenere il talento nelle aziende. Questo perché questo processo può essere una delle chiavi principali per far crescere e sviluppare i dipendenti.

La gestione delle persone può utilizzare il mentoring per migliorare la produttività dei propri dipendenti. E così, raggiungere gli obiettivi in ​​modo efficace ed entro le scadenze definite. Esistono molti tipi di approcci e metodologie di mentoring. Negli ultimi mesi in Portogallo, ad esempio, il tutoraggio online ha guadagnato aderenti tra i manager delle risorse umane come un modo per aumentare la motivazione nel telelavoro.

I vantaggi dell’investimento nel mentoring per i dipendenti sono diversi. Ed è per questo che ti aiuteremo a comprendere meglio questa strategia di gestione del personale.

In questo articolo spiegheremo cos’è il mentoring, le differenze tra mentoring e coaching, i tipi di mentoring che possono essere utili per la tua azienda e molto altro ancora.

valutazione dipendenti banner factorial

Mentoring aziendale: significato

Con la crescente popolarità delle consulenze e della formazione nelle aziende, abbiamo iniziato ad utilizzare molti termini ed è facile confonderli tra di loro. Oggi ci chiediamo, cos’è il mentoring?

Il mentoring è un insieme di pratiche di formazione il cui obiettivo principale è ottimizzare le prestazioni dei dipendenti. E la motivazione al lavoro è direttamente collegata a questo processo, al fine di condividere tecniche e conoscenze professionali tra un mentore (o una persona che ha più esperienza) con un collaboratore che ha bisogno o vuole saperne di più su un determinato argomento.

Questo metodo di apprendimento trasmette conoscenze aggiuntive rispetto a quelle offerte in ambito accademico o tecnologico.

Pertanto, questo processo può essere presente nella politica salariale “emotiva” della tua azienda, per promuovere la salute mentale e una migliore conservazione dei talenti. Quindi, possiamo dire che il mentoring è un argomento ampio e comprende approcci diversi. Pertanto, commenteremo oggi i tipi più importanti di mentoring.

In un modo più tradizionale, il tutoraggio è stato svolto da professionisti che sono in azienda da più anni o che hanno una posizione più alta rispetto al mentee. Oggi sappiamo che non esiste una regola specifica per la formazione e lo sviluppo dei dipendenti.

Questo perché ci sono diversi tipi di esigenze e profili nelle organizzazioni. E, spesso, i dipendenti più giovani possono offrire conoscenze più aggiornate su un argomento. Oppure, qualcuno in un team o in un settore che non è in una posizione di leadership può sapere molto su un argomento e assistere un direttore di un altro team.

Mentoring e valutazione delle prestazioni

Un altro punto rilevante è che il mentoring è direttamente connesso alla valutazione delle prestazioni. Questo perché in base all’analisi effettuata durante la valutazione della performance o il feedback, possiamo verificare la necessità di applicare il mentoring in azienda.

I risultati della valutazione delle prestazioni o del questionario di feedback consentono una maggiore chiarezza nelle decisioni dei responsabili delle risorse umane. In questo modo, i manager sapranno più precisamente quali dipendenti hanno urgente bisogno di maggiore motivazione sul lavoro. È anche possibile sapere su cosa è necessario lavorare e quali tipi di tutoraggio si adattano meglio alle esigenze del dipendente.

Pertanto, come parte essenziale della gestione delle persone, è importante sapere come osservare e scegliere chi ha bisogno di mentoring. Questo perché l’organizzazione dei processi di mentoring, anche nei casi di tutoraggio online, dovrebbe portare risultati per tutte le persone coinvolte.

I dipendenti devono essere in grado di utilizzare questo momento per scambiare conoscenze e imparare gli uni dagli altri, rispondere a domande, sviluppare nuove abilità, migliorare capacità, ecc.

Mentoring vs. Coaching

Con la recente diffusione del termine coaching, molte persone sono ancora confuse con la differenza tra mentoring e coaching. Quindi spiegheremo questi due termini in 3 parti principali:

1) Vita professionale e vita privata

Il mentoring funziona come una strategia per lo sviluppo della vita professionale dei dipendenti. Questa strategia mira a migliorare le competenze specifiche e sviluppare i dipendenti nelle organizzazioni. In questo modo, il mentoring può aiutare a realizzare un piano di carriera di successo per i tuoi dipendenti.

Il coaching, d’altra parte, è una strategia che si concentra maggiormente sul raggiungimento degli obiettivi di vita personali delle persone. In tal caso, gli obiettivi del coaching possono includere anche alcune aree della vita professionale. Tuttavia, il mentoring è più esclusivo dell’area aziendale e privilegia lo sviluppo all’interno del team, della funzione e della posizione dei dipendenti attraverso funzionalità definite e adattate alle esigenze dell’azienda.

2) Durata

Da un lato, il coaching professionale può aiutare le persone a posizionarsi in modo più efficiente nel mercato del lavoro. D’altra parte, il mentoring servirebbe a garantire che, una volta assunte, queste persone continuino a svolgere il lavoro con migliori indicatori di produttività e prestazioni. Pertanto, possiamo anche identificare una differenza nella durata di ciascuna metodologia.

Innanzitutto, la durata del mentoring è indefinita perché è correlato al budget dell’azienda, al tempo a disposizione del mentore e dell’allievo e, naturalmente, al tempo necessario per sviluppare le tecniche richieste.

Per quanto riguarda la durata di una strategia di coaching, di solito passa attraverso più sessioni, spesso settimanali e che richiedono alcuni mesi per terminare. In generale, il coaching necessita di un intervallo di tempo tra una sessione e l’altra. Il tutoraggio invece può avvenire nella stessa settimana o in una giornata intera.

software risorse umane

Metodologia

Anche se entrambe le metodologie possono essere utilizzate come strategia di motivazione sul lavoro, funzionano in modo diverso.

Ad esempio, nel mentoring, le caratteristiche personali dei dipendenti non sono l’obiettivo principale come nel coaching. In questo caso, l’obiettivo è che la persona che sta partecipando al processo di mentoring termini lo stesso essendo in grado di realizzare in modo efficiente ciò che è stato appreso.

Un’altra caratteristica che li differenzia è la formazione della sessione di mentoring o coaching. Il coaching professionale può essere svolto in gruppo o individualmente. I tipi di mentoring che presentano i migliori risultati sono quelli one-to-one, ovvero quando un dipendente con più esperienza in una materia o tecnica, insegna a un altro dipendente che ha bisogno di questa conoscenza.

Vale la pena ricordare che non esiste una regola unica. Le sessioni e le tipologie di mentoring devono essere adattate alla realtà della tua azienda.

In sintesi, la metodologia di coaching offre suggerimenti tattici, strumenti e conoscenze strategiche per guidare professionalmente le persone. D’altra parte, il mentoring non funziona come un suggerimento, ma come un insieme di conoscenze tecniche da apprendere per sviluppare una certa competenza in modo migliore.

mentoring vs coaching

Tipi di mentoring

Conosci subito i principali tipi di mentoring e decidi quale si adatta meglio alla cultura della tua azienda.

Peer to peer o tra pari

Nel programma di mentoring tra pari, i partecipanti fanno solitamente parte dello stesso team, hanno più o meno la stessa età o hanno posizioni simili. In questo modo, la conoscenza viene trasmessa orizzontalmente per completarsi a vicenda e scambiare esperienze. Questo tipo è altamente raccomandato per i team leader.

Mentoring di gruppo

Come suggerisce il nome, il mentoring di gruppo include dipendenti e tutor interessati allo stesso argomento o tecnica. L’obiettivo finale di questo tipo di strategia è che il gruppo nel suo insieme raggiunga gli obiettivi fissati dai mentori. Pertanto, un modo per ottimizzare questo tipo di mentoring è creare attività di team building e aiutare a costruire lo spirito di squadra e la motivazione al lavoro.

Mentoring inverso

Tra i tipi di mentoring, il reverse mentoring è quello che abbiamo commentato all’inizio di questo articolo. Si verifica quando un dipendente più giovane o con meno esperienza in azienda porta una prospettiva diversa rispetto a un dato argomento. In questo modello, questo scambio di esperienze tra dipendenti che si trovano in posizioni diverse o che svolgono compiti diversi può integrare le loro conoscenze.

Cross-mentoring

Il cross-mentoring si verifica quando un dipendente fa da mentore a un dipartimento o team diverso dal proprio. Questo scambio di conoscenze, oltre a portare nuove prospettive a tutti i partecipanti, consente una migliore integrazione tra i colleghi. Può anche essere tra diverse società o specialisti di diversi settori. In questo modo, aiuta anche a promuovere la motivazione dei dipendenti e la salute mentale.

mentoring significato

Mentoring e motivazione lavorativa

Ora che sai cos’è il mentoring e come funziona, devi comprenderne i vantaggi. Pertanto, affinché la gestione del personale sia il più umana possibile, dobbiamo commentare l’importanza di questo processo come strategia di motivazione al lavoro.

Questo perché le aziende che investono nel tutoraggio hanno tassi di fidelizzazione dei talenti migliori e un maggiore coinvolgimento con l’Employer Branding. Inoltre, possiamo sottolineare altri vantaggi:

  • Migliori indicatori di salute mentale;
  • Migliori indicatori di prestazione;
  • Livelli più bassi di tasso di astensione;
  • Minor turnover del personale;
  • Diminuzione delle richieste di congedo medico;
  • Maggiore efficienza nell’esecuzione di attività che richiedevano più tempo;
  • Sensazione di appartenenza e formazione professionale;

Questo perché la motivazione al lavoro è il risultato della sensazione di raggiungere gli obiettivi con maestria ed efficacia. Meno difficoltà incontrerà il dipendente nel suo ambiente di lavoro, più sarà motivato a raggiungere gli obiettivi.

Ma affinché la motivazione lavorativa sia alta, è importante mantenere un livello elevato e costante di formazione dei dipendenti. Pertanto, quando un obiettivo è completato con una buona qualità, genera un senso di “dovere compiuto”. Come se fosse una ricompensa per tutto lo sforzo precedente.

Infine, il mentoring applicato con un focus sulla motivazione al lavoro, si tradurrà in miglioramenti per i tuoi team e per l’azienda in generale. Come ruolo per il settore delle risorse umane, è importante organizzare programmi di mentoring internamente o tra professionisti di aziende diverse che abbiano senso per le esigenze dei dipendenti.

Tecnologia nelle risorse umane per il mentoring

Una delle grandi sfide per il settore HR con la crescita del telelavoro, si è verificata nell’organizzazione di programmi di mentoring online. Ma grazie all’evoluzione della tecnologia HR, molti dei processi delle risorse umane possono ora essere eseguiti in modo automatizzato.

Con Factorial è possibile utilizzare il software Risorse Umane più completo del mercato, con i principali strumenti per facilitare la tua routine.

Con Factorial sarà possibile:

Tutto questo in modo sicuro, facile ed efficiente. Questo perché Factorial riunisce tutti i processi più importanti della tua vita quotidiana in un unico posto. Investi più tempo in ciò che conta davvero: le persone.

✅Ottimizza i tuoi processi HR con Factorial. Registrati gratuitamente e prova tutte le funzionalità del software per le risorse umane per 14 giorni.

This post is also available in: Português PT Português BR

Post correlati

Lascia un commento