Vai al contenuto
motivazione al lavoro

Incoraggiare e misurare la motivazione al lavoro [+Test e Webinar]

Non è solo un fattore chiave per la produttività e la performance dei dipendenti e, quindi, per la crescita delle aziende. La motivazione al lavoro è un elemento spesso trascurato all’interno delle organizzazioni e che incide direttamente sulla salute e sul benessere dei lavoratori.

Conoscere qual è il mood, come si sentono i nostri dipendenti, è fondamentale per poter lavorare su politiche che vanno dalla comunicazione interna alla remunerazione flessibile. Conoscere quale livello di motivazione lavorativa ha il nostro personale si ottiene con misurazioni che aiutano a stimolare questo aspetto.

👉 Scarica il test gratuito di motivazione al lavoro 👈

motivazione lavoro test

Cos’è la motivazione lavorativa o motivazione al lavoro?

Per definizione, la motivazione al lavoro è semplicemente una sensazione di benessere o appagamento che si ottiene dopo aver completato un compito o raggiunto un obiettivo. Potremmo dire che è qualcosa come una “ricompensa emotiva” che si ottiene una volta raggiunto un obiettivo, in questo caso, legato al lavoro.

Dal lato delle aziende, il ruolo nella motivazione al lavoro è proprio quello di riuscire a generare un ambiente in cui questo sentimento sia presente nei dipendenti, facendoli entrare in contatto con l’azienda e sviluppando a loro agio la carriera professionale.

La motivazione al lavoro (così come la demotivazione) ha come caratteristica principale quella di essere contagiosa, estremamente contagiosa. Un lavoratore immotivato lavorerà a un ritmo più lento, con riluttanza, portando meno risultati.

Benefici della motivazione al lavoro

Mantenere e migliorare la motivazione dei dipendenti è spesso una vera sfida e persino un problema (e grande) per le aziende. Infatti, maggiore è il personale e le responsabilità, più difficile è mantenere livelli ottimali di motivazione.

Ciò può essere dovuto al fatto che, essendoci più ruoli, ci sono quindi più aree, che possono utilizzare profili professionali i cui interessi potrebbero non essere condivisi. Pertanto, le aziende devono lavorare per trovare modi per mantenere alti i livelli di motivazione del proprio personale.

Alcuni dei vantaggi di mantenere alti livelli di motivazione al lavoro si traducono in:

  • Livelli di produttività più elevati.
  • Livelli inferiori di assenteismo.
  • Livelli inferiori di turnover del personale.
  • Ottima reputazione e assunzioni più solide.
  • Migliora l’esperienza dei dipendenti.

motivazione al lavoro dipendenti

Come funziona la motivazione al lavoro e che tipi di motivazione lavorativa esistono?

In generale, la motivazione (e questo non sfugge al posto di lavoro) può essere intesa come un “circuito di soddisfazione”. Secondo l’autore Beatríz Valderrama nel suo libro Motivación inteligente, el impulso para lograr tus metas (la spinta per raggiungere i tuoi obiettivi) c’è un innato bisogno nelle persone di raggiungere gli obiettivi, che è alimentato dalla percezione di fiducia per poterli raggiungere.

La ripetizione di azioni volte al raggiungimento degli obiettivi si traduce nella creazione di abitudini e apprendimenti che rafforzano questo stimolo e conseguentemente portano a una maggiore soddisfazione in quello che viene definito un “circolo virtuoso”.

In senso opposto, quando non esiste una ricompensa per lo sforzo fatto per ottenere un risultato (sia soggettivo che oggettivo), ciò che viene generato invece della soddisfazione è frustrazione. E questa è anche una sensazione altamente contagiosa che va a scapito delle prestazioni lavorative di lavoratori e team.

valutazione dipendenti banner factorial

Motivazione intrinseca ed estrinseca

Nella vita come sul posto di lavoro, quando si fa riferimento alla motivazione dobbiamo essere chiari che questa è “una strada che va in due direzioni”. Da un lato c’è la motivazione intrinseca e dall’altro la motivazione estrinseca.

Il primo è legato all’aspetto interiore di ogni persona, ai suoi interessi, obiettivi, paure e alle proprie ambizioni. In senso opposto, il secondo concetto è naturalmente associato a stimoli che provengono dall’esterno, come la pressione sociale, il rapporto con colleghi e superiori, il contesto generale, ecc.

Dal punto di vista delle aziende, naturalmente, non possiamo fare altro che fare da driver di motivazione estrinseca offrendo ricompense e stimoli che aiutino, nel breve e medio periodo, ad “alimentare” la motivazione interiore.

👉 Abbiamo creato per te una guida sulla motivazione lavorativa per combattere le insicurezze e dare una spinta motivazionale ai tuoi dipendenti.

Come misurare la motivazione al lavoro?

Il modo migliore per misurare la motivazione o qualsiasi altro aspetto che ci interessa chiarire nella nostra azienda è sempre utilizzare i KPI per le risorse umane. Ciò ci consentirà di avere una visione chiara e oggettiva di ciò che accade all’interno di ogni area e in ogni lavoratore.

Nel caso della motivazione al lavoro, da Factorial HR sviluppiamo un test esclusivo che consiste in 10 domande a cui possono rispondere in modo anonimo i lavoratori dell’azienda.

Con indicatori di soddisfazione chiari e precisi, puoi distribuire questo modello nella rete di comunicazione interna della tua azienda o di persona e quindi attuare politiche per migliorare o mantenere la motivazione sul posto di lavoro.

motivazione lavorativa dipendenti

Come migliorare la motivazione al lavoro?

Il modo migliore per aumentare la motivazione al lavoro è sapere qual è lo stato della propria azienda, ovvero mettere alla prova lo stato d’animo dei team o dell’intero staff. Tenendo conto che la gestione motivazionale non è altro che cercare di connettersi con la volontà dei dipendenti, l’ufficio risorse umane deve essere chiaro su quali aspetti possono essere coperti e quali sono più complessi.

Ritornando alle nozioni di motivazione intrinseca ed estrinseca, possiamo dire che i fattori interni, sui quali l’azienda ha il controllo, sono:

  • Soldi, stipendio e bonus.
  • Riconoscimento delle prestazioni.
  • Tempo libero.
  • Trattamento di qualità e preferenza delle attività.
  • Promozione e sviluppo professionale.
  • Autonomia all’interno dell’azienda.
  • Formazione.
  • Attività all’aperto o fuori orario di lavoro.
  • Modelli organizzativi

15 esempi di motivazione al lavoro

Come sempre insistiamo, quando si implementano le politiche delle risorse umane in qualsiasi azienda, non ci sono ricette magiche o tecniche infallibili. Come accade nelle famiglie, “ogni azienda è un mondo” e nessuno, tranne il responsabile delle risorse umane, conosce meglio il proprio personale e la cultura aziendale della propria impresa.

In quanto tale, dovrebbe essere questa figura che usa tutta la sua creatività e conoscenza a favore del raggiungimento di un ambiente di lavoro ottimale. Tuttavia, ci sono alcune idee che non dovrebbero essere trascurate e che possono iniziare ad essere implementate in questo momento:

  1. Mantieni una comunicazione regolare per migliorare i rapporti di lavoro.
  2. Richiedi informazioni sulle decisioni di alto livello ai lavoratori che compongono la forza lavoro.
  3. Assegna progetti che possono significare miglioramenti favorevoli, a membri del team o dipendenti che ottengono risultati migliori.
  4. Assegna un premio, un certificato o una menzione per quella buona prestazione.
  5. Festeggia i compleanni dei dipendenti.
  6. Avvisa un subordinato di possibili azioni disciplinari quando non soddisfa le aspettative.
  7. Dai aumenti di stipendio alle persone che dimostrano di essere motivate.
  8. Concedi bonus al personale in base alle prestazioni.
  9. Crea un ambiente confortevole, ergonomico e salutare.
  10. Consenti e incoraggia i team / i dipendenti a raggiungere gli obiettivi attraverso i propri metodi. Dai loro libertà.
  11. Sviluppare un sistema in cui i dipendenti possano confrontare le proprie prestazioni e potenzialmente ricevere un premio se sono la persona con il punteggio più alto.
  12. Riconosci pubblicamente le persone per i loro talenti e contributi sul posto di lavoro.
  13. Attua programmi di salute e benessere sul lavoro.
  14. Stabilisci obiettivi di rendimento con i membri del team.
  15. Implementa opportunità o esercizi di team building per migliorare il morale, la collaborazione e la comunicazione.

3 Tecniche per la motivazione durante telelavoro e smart working

Essendo fuori ufficio e dentro casa, sorgono nuove sfide in termini di gestione dei team e di interazione con loro. Nello specifico, il grande svantaggio del telelavoro è la mancanza di contatto umano con altri dipendenti, un aspetto fondamentale per rafforzare i legami e raggiungere un senso di appartenenza in qualsiasi organizzazione.

Questo fattore emotivo e sociale è fondamentale e non dovrebbe essere trascurato. Per poterlo gestire a distanza, queste tre tecniche saranno di grande aiuto:

  • Attività ricreative online.

Incoraggia i tuoi lavoratori a connettersi al di fuori dell’orario di lavoro con giochi online, webinar, workshop o semplicemente conversazioni che sostituiscono l’uscita nei bar. Ciò contribuisce a creare la comunità e rafforzare i legami tra i team.

  • Sfide settimanali virtuali.

Possono essere sfide lavorative come contattare un certo numero di clienti tramite posta o telefono. Puoi inviare un’e-mail all’inizio di ogni settimana e porre una sfida che, una volta completata, la persona o le squadre riceveranno una ricompensa.

  • Orari flessibili.

Lavorare da casa può essere faticoso e mantenere la stessa routine dell’ufficio può contrastare la produttività. Offri ai tuoi dipendenti pause attive e flessibilità nell’ingresso o uscita dal lavoro, purché rispettino il volume di ore corrispondente.

  • Piani di motivazione al lavoro.

Mantenere la motivazione al lavoro è una delle grandi responsabilità dell’area risorse umane e intraprendere questo percorso può essere, a volte, difficile. Ma come sempre, porterà grandi benefici che promettono di trasformare in meglio la vita dei lavoratori.

Vuoi sapere come mantenere coinvolti i tuoi dipendenti anche a distanza? Vedi questo webinar insieme agli esperti di employee engagement Francesca Conti, Federico Scarsi e Benedetta Laganà 👇

Motivazione al lavoro, crescita professionale e leadership aziendale

La leadership di un team è intrinsecamente legata alla motivazione lavorativa e alla motivazione personale dei membri di quella stessa squadra, per questo è importante avere a loro carico qualcuno che gestisca bene i lavoratori e sappia misurare la loro soddisfazione e dare una spinta motivazionale al loro lavoro.

Come puoi preparare i leader della tua azienda? Ecco alcune idee:

  • Formali e aiutali a imparare. Nessuno nasce “imparato” e gestire una squadra non è qualcosa che sai fare per ispirazione divina. Un leader deve sapere come organizzare i compiti nella sua squadra, ma anche ascoltare e aiutare i membri di detta squadra nella loro crescita personale e professionale. In definitiva, devono imparare a essere leader.
  • Devi sapere di cosa ha bisogno quel particolare leader. Quali abilità soft e hard deve avere questo leader? Fai un elenco per scoprire di cosa ha bisogno esattamente quel lavoro.
  • Crea un senso di community nei contesti lavorativi. Stabilisci uno spazio in cui possano comunicare con altri leader e condividere ciò che stanno imparando, come stanno ottenendo risultati, quali dubbi hanno che possono essere risolti da altri colleghi, ecc…
  • Fai un’indagine sul clima organizzativo. In questo modo avrai un’idea più chiara di come si sentono i tuoi dipendenti, dei loro bisogni umani, se c’è insoddisfazione lavorativa, e soprattutto, potrai individuare i fattori motivanti.

👉 Lo sapevi che la leadership aziendale può aiutarti a supportare la salute mentale dei tuoi dipendenti? Scopri come nel nostro articolo dedicato a questo tema.

Come aumentare la motivazione al lavoro attraverso la cultura aziendale?

Secondo Harvard Business Review, la motivazione al lavoro dei dipendenti varia notevolmente a seconda dei processi dell’azienda, tenendo conto di aspetti quali:

  • La progettazione e la definizione del lavoro. Questo perchè un ruolo mal definito, con incongruenze nella sua natura e senza obiettivi chiari può essere molto scoraggiante.
  • L’identità aziendale e i valori dell’organizzazione. La missione e la filosofia dell’organizzazione sono essenziali affinché i lavoratori vedano il significato in ciò che fanno e nel lavoro svolto, sentano che è importante, che farà la differenza per l’intera organizzazione e soddisfare così anche i bisogni di autorealizzazione.
  • La proiezione del lavoro o il piano di carriera. L’opportunità di crescere sia in azienda che professionalmente in generale. Il personal branding è qualcosa di molto importante tra i talenti umani in questo momento e la possibilità che un lavoro aiuti un professionista ad evolversi è qualcosa che i dipendenti apprezzano molto.
  • La community e i team di lavoro. Interagire, sentirsi parte di un gruppo, credere nella squadra e sentirsi apprezzati dai propri colleghi è essenziale quando si dedica la maggior parte della giornata al lavoro.
  • Pianificazione delle risorse. Che un’azienda abbia una buona base organizzativa è fondamentale per poter sostenere i pilastri di quello che sarà l’organigramma di questa ed in generale i processi che in esso vengono svolti. Senza organizzazione, anche il percorso da seguire non è chiaro e questo può portare a confusione, mancanza di coordinamento e spreco di risorse.
  • La leadership. Ne abbiamo già parlato in precedenza, ciò perché il modo in cui i leader gestiscono i loro team di lavoro è strettamente correlato ad aspetti come la conservazione dei talenti, lo stress lavorativo e la famosa sensazione di “burnout”.
  • Lo stipendio. Perché anche chi dice che lo stipendio è la cosa meno importante di un lavoro non ha ragione. Non è l’unico aspetto da tenere in considerazione quando un professionista sta decidendo tra un’azienda o l’altra, ma è un fattore importante, poiché mostra anche quanto l’organizzazione apprezzi quel professionista.
  • Management adattativo. Ovvero, una gestione del team che si basa sulla conoscenza e sulle decisioni, sulle esperienze e sull’apprendimento … non sul semplice fatto di dare ordini per essere al di sopra di un altro gruppo di lavoratori nella catena di comando.
  • Valutazione delle prestazioni. Come vengono misurati lo sforzo, il lavoro e i risultati delle azioni svolte dai membri di un’azienda? Questo è importante anche per la motivazione al lavoro, poiché può essere fatto in un modo che incoraggia i dipendenti a superare le sfide (ad esempio applicando la metodologia OKR) piuttosto che causare stress e pressione per raggiungere gli obiettivi.

Cosa provoca insoddisfazione lavorativa nei dipendenti?

Oltre ad essere attento e ad applicare strategie che aiutano a migliorare la motivazione al lavoro tra i tuoi team, devi anche fare attenzione a non commettere gli errori più comuni e danneggiare la motivazione del tuo personale.

Per quale motivo un dipendente può perdere la motivazione nel suo lavoro? Per vari motivi che elenchiamo di seguito.

  • Non c’è possibilità di evoluzione e non c’è spazio per il miglioramento. Quando il dipendente cade in una dinamica monotona in cui non ha nuove sfide o compiti, fa sempre la stessa cosa e lo fa da anni.
  • L’ambiente di lavoro è negativo. Ciò accade in qualsiasi gruppo sociale e può verificarsi anche in contesti familiari o anche a scuola. Questi sono atteggiamenti ostili o, nei peggiori casi tossici, tra colleghi.
  • La formazione non basta e il lavoratore non si sente preparato. Se un lavoratore incontra un compito o una difficoltà che non sa come risolvere, sarà demotivato.
  • Cattiva comunicazione interna e tra dipendente e supervisore. Una cattiva comunicazione crea insicurezza, processi inefficienti e generalmente una cattiva gestione delle attività.
  • Scarso equilibrio tra lavoro e vita privata. Quando c’è uno squilibrio tra lavoro e vita personale, e questo accade molto durante il telelavoro, poiché è una pratica che molte aziende non hanno ancora imparato e hanno appena iniziato ad applicare.

teorie sulla motivazione al lavoro

Individua i dipendenti demotivati

Attraverso le Valutazioni delle Prestazioni e il performance management potrai sapere quali dipendenti sono demotivati ​​e, quindi, hanno un rendimento basso o sono in procinto di lasciare l’azienda. Poiché uno dei motivi delle scarse prestazioni è la mancanza di motivazione, è importante che studiamo il problema in questo articolo.

Con una completa e oggettiva valutazione delle prestazioni a 360 puoi sapere quali lavoratori possono essere demotivati. Questa valutazione è composta da:

  • Autovalutazione.
  • Valutazione del supervisore.
  • Valutazione del compagno di team.
  • Valutazione del lavoratore incaricato.
  • Valutazione del cliente.

Come puoi vedere, con tanti punti di vista, è molto più facile individuare dove sia il problema e se, effettivamente, il motivo dello scarso rendimento è la demotivazione del lavoratore. Come eseguire questo tipo di valutazione? Innanzitutto, dovrai utilizzare dei questionari per concludere con un risultato numerico, anche se prima avrai stabilito lo standard di prestazione medio che vuoi che i tuoi lavoratori raggiungano. Una volta ottenute queste due informazioni, sarai in grado di sapere come si trova il lavoratore e, osservando le sue risposte, cosa deve essere cambiato.

Come fai a sapere se qualcuno ha migliorato le prestazioni? Questo può essere conosciuto solo se hai già fatto delle valutazioni e, quindi, puoi confrontare la più recente con quella precedente.

👉 Se desideri un modello per sostenere la valutazione delle prestazioni a 360 gradi, puoi scaricarlo gratuitamente qui.

Demotivazione dovuta al contesto sociale, economico e sanitario

La pandemia di Covid-19, insieme all’incertezza, alla paura, al telelavoro forzato e alla crisi sanitaria che ha scatenato, è un terreno fertile per la demotivazione che travolge i nostri dipendenti.

Dalle Risorse Umane non è mai stato così difficile promuovere la cosiddetta “cultura della felicità”, ma questa è quella che più motiva i lavoratori e riduce il turnover del personale e l’assenteismo. La buona notizia è che, come abbiamo discusso in precedenza, la motivazione estrinseca (che proviene da fattori esterni) può migliorare la motivazione intrinseca (che dipende esclusivamente dal lavoratore).

Cosa possono fare manager e team leader, così come direttori e personale delle risorse umane per evitare di demotivare i lavoratori in questi momenti storicamente unici? Ecco alcuni suggerimenti:

  • Incoraggia la comunicazione. Durante il telelavoro e i turni in ufficio, è molto più difficile che la comunicazione scorra bene se nulla viene cambiato rispetto a quanto fatto in precedenza e senza le nuove regole di presenza e capacità. Migliora la comunicazione interna in modo che i tuoi dipendenti possano continuare a provare la sensazione di appartenenza all’azienda.
  • Riconosci i meriti e i buoni risultati. In questi tempi di cattive notizie, è importante ricordare ai dipendenti che stanno facendo un buon lavoro, poiché c’è anche molta incertezza (molti hanno già perso il lavoro durante questa crisi). Il riconoscimento fa sempre parte della motivazione.
  • Cogli l’occasione per creare e progettare un piano di sviluppo. Questo dipenderà dal tipo di azienda e dalla situazione in cui si trova, ma forse è un buon momento per fermarsi e pensare a ciò che i tuoi dipendenti possono imparare a migliorare o se sono pronti a fare il passo successivo nella loro carriera o se desidera sviluppare un’altra attività più o meno specifica all’interno dell’azienda e del dipartimento.
  • Usa la formazione professionale. Oggi è più che mai presente nelle aziende e può aiutare molto con la motivazione dei dipendenti.
  • Ottieni un programma HR per migliorare la gestione dei talenti umani. Ciò di cui hai bisogno per concentrarti sulla motivazione e sul benessere dei tuoi dipendenti è il tempo, e per questo devi automatizzare le attività manuali, digitalizzare la gestione del talento umano e ridurre il volume di scartoffie e processi ingombranti che vengono svolti dal dipartimento delle risorse umane .

Mantenere la motivazione al lavoro è una delle grandi responsabilità dell’area risorse umane e intraprendere questo percorso può essere, a volte, difficile. Ma come sempre, porterà grandi benefici che promettono di trasformare in meglio la vita dei lavoratori.

Concentra tutte le attività e i processi di gestione nella tua zona in un software basato su cloud. Esegui attività come rilevazione delle presenze, gestione delle buste paga e vacanze senza scaricare programmi e concentrati su ciò che conta davvero: far crescere la tua azienda!

✅ Prova il software di Factorial gratuitamente per 14 giorni e migliora la gestione delle risorse umane!

This post is also available in: Español Português PT Mexican

Post correlati

Lascia un commento