Vai al contenuto
competenze lavorative

Competenze lavorative più richieste nel 2021 nel processo di reclutamento

Competenze, abilità, e attitudini che caratterizzano un candidato o lavoratore nella nostra azienda, costituiscono ciò che conosciamo come competenze lavorative. Naturalmente con il passare degli anni queste cambieranno in base alle esigenze del contesto.

Oggi più che mai possiamo affermare che di fatto e in linea con quanto annunciato dagli esperti, stiamo vivendo quella che viene definita la “quarta rivoluzione industriale”. L’ascesa del telelavoro o dell’home office, ha cambiato completamente ciò che sappiamo sul mondo del lavoro. E con ciò, è cambiato anche quello che dobbiamo aspettarci dai nostri dipendenti.

modell gratis kpi aziendali

Cosa sono le competenze lavorative

Potremmo definire le competenze lavorative come un insieme di abilità, innate o acquisite, generali o particolari, necessarie affinché un lavoratore si sviluppi in un determinato ruolo.

Un altro modo di spiegare le competenze lavorative è considerandole come quell’insieme di caratteristiche che distinguono il modo in cui una persona svolge un lavoro specifico. Ad esempio, potremmo facilmente trovare una buona manciata di 20 o 50 candidati per diventare programmatori per la nostra azienda in appena un paio d’ore. Ma solo un paio di loro saranno in grado di adattarsi alla cultura della nostra organizzazione.

Il concetto di “competenze” applicato al mondo del lavoro è stato sviluppato da diversi autori e ricercatori, ma è stato lo psicologo David McClelland negli anni ’70 a riuscire a rendere popolare il termine competenze lavorative.

Con la sua teoria il professore è stato in grado di dimostrare che affinché una persona sia in grado di svilupparsi professionalmente, non è solo sufficiente che possieda la conoscenza del proprio ruolo, ma che richiede anche necessariamente lo sviluppo di altri tipi di abilità associate.

👉Sicuramente troverai interessante questo modello scaricabile e gratuito per la valutazione delle competenze professionali.

Cinque tipi principali di competenze lavorative

Quando si intraprende un processo di ricerca del personale nelle risorse umane, è molto comune per le persone incaricate trovare molto difficile scegliere quale tipo di competenza sarà quella a cui dare la priorità in questo caso.

Ecco perché, prima di tutto, è importante comprendere le dinamiche della nostra azienda, come si sviluppa l’esperienza dei dipendenti in base al feedback dei lavoratori e, dall’altra parte, quali tipologie di competenze esistono:

  • Competenze comportamentali: si riferiscono a quelle abilità più morbide che sono richieste per un lavoro.
  • Competenze tecniche: sono quelle che rendono efficace l’uso di sistemi, strumenti o meccanismi, esclusivamente necessari per la posizione.
  • Competenze di leadership: sono queste le qualità che compongono la capacità e la volontà di guidare i gruppi.

report kpi banner

Le abilità e le competenze lavorative sono la stessa cosa?

Spesso ed erroneamente, c’è una tendenza a interpretare questi concetti come intercambiabili. Nonostante, come sappiamo, non ci siano verità assolute nelle scienze sociali, di fatto possiamo dire che le competenze e le abilità sono due idee diverse che condividono alcune somiglianze.

Le abilità sono conoscenze specifiche necessarie per svolgere un lavoro specifico. Queste sono classificate in due gruppi: hard skills e soft skills. Le hard skills sono generalmente tecniche, specifiche di una disciplina (ad esempio: uso di fogli di calcolo per la contabilità). Le competenze trasversali, d’altra parte, sono più generali e hanno a che fare con le prestazioni della persona (ad esempio: gestione del tempo o comunicazione verbale).

D’altra parte, le competenze lavorative sono quelle conoscenze che garantiscono che una persona esegua con successo i propri compiti, cioè il “come”. Si tratta del modo in cui i comportamenti di un dipendente generano maggiori e migliori risultati, elemento fondamentale e differenziante tra gli altri colleghi o candidati.

competenze lavorative trasversali

Esempi di competenze professionali

Come accennato in precedenza, il modo migliore per capire cos’è una competenza lavorativa (e cosa non è) è capire l’universo delle competenze e tenere conto che queste ultime si riferiscono al modo in cui un lavoratore svolge i propri compiti.

In questo modo, quando pubblichiamo un annuncio per la ricerca del personale, potremmo organizzare le informazioni nel seguente modo:

Hard Skill Soft skill Competenze
Video editing Pensiero creativo Capacità analitiche

👉Potresti trovare utile questa guida completa alla valutazione della performance individuale.

Le 10 competenze lavorative più richieste nel 2021

Il mondo del lavoro è naturalmente in continuo mutamento. Un chiaro esempio di ciò è stata la profonda svolta verso la digitalizzazione delle imprese e la già citata “esplosione” del fenomeno del telelavoro. Questi nuovi modi di lavorare, come tutti sappiamo, sono stati guidati dalla crisi del Covid-19 che è arrivata a modificare completamente le nostre vite.

In questo contesto di elevata volatilità, incertezza e grandi sfide su quasi tutti i fronti, è di vitale importanza far crescere la nostra azienda, investendo nel capitale umano sapendo differenziare quelle competenze lavorative che non possono mancare nei nostri team:

  • Mentalità di crescita:
    Guida, curiosità, ambizione. Qualsiasi aggettivo è valido per definire quel candidato o quella candidata che non si conforma allo status quo, che non ha paura di correre rischi, fare domande e provare cose nuove, tutto per svilupparsi professionalmente ed espandere gli orizzonti dell’azienda.
  • Processo decisionale basato sui dati:
    In un mondo in crisi è fondamentale che i nostri lavoratori (soprattutto quando si tratta di manager) sappiano quando, dove e come scegliere quale strada seguire, sempre orientati a massimizzare i risultati e ad utilizzare le risorse nel modo più efficiente possibile.
  • Pensiero critico:
    Interrogare processi, obiettivi e dinamiche di gruppo, tra le altre cose, incoraggia l’innovazione. Riuscire a darsi lo spazio per ripensare nuove idee che si aggiungono ad accorciare il percorso per il raggiungimento degli obiettivi aziendali è fondamentale in tempi di crisi.
  • Resilienza:
    Non si tratta solo di essere in grado di affrontare la frustrazione e gli aspetti negativi della vita in generale e del lavoro, ma anche di essere in grado di tornare rapidamente sul ring. Un impiegato ideale in questi tempi dovrebbe essere in grado di “cadere e rialzarsi”, senza grossi inconvenienti.
  • Flessibilità:
    Sulla stessa linea della competenza precedente, dobbiamo puntare sul fatto che i nostri lavoratori abbiano le capacità e le risorse intrinseche di poter (tra le altre cose) adattarsi a nuove forme di lavoro sia in presenza che a distanza, che utilizzino nuovi strumenti e accettino cambiamenti nella struttura dei team.
  • A proprio agio in un ambiente digitale:
    Sembra ovvio, ma non lo è. Non si tratta più di poter utilizzare una piattaforma di videochiamata o una dashboard aziendale interna, ma di trovare persone in grado di gestire il proprio tempo e le proprie prestazioni lavorative al 100% da remoto e in un contesto prettamente virtuale, operando dal cloud.
  • Alta produttività:
    In un contesto sociale di crisi, abbiamo già detto che l’ottimizzazione delle risorse è fondamentale e una di queste risorse è il tempo. Il nostro lavoratore ideale nel 2021 deve poter sfruttare al meglio e senza trascurare il proprio benessere, le otto ore giornaliere in cui deve dedicarsi ai suoi compiti.
  • Impegno:
    Questo è fondamentale quando si lavora da remoto. Accade spesso che fuori dall’ufficio, senza il contatto con gli altri e la comodità di essere a casa, sia facile essere tentati di concentrarsi su compiti che non sono strettamente lavorativi. Partecipare alle riunioni, essere online quando appropriato, raggiungere gli obiettivi e assumersi la responsabilità dei risultati è oggi più importante che mai.
  • Apprendimento indipendente:
    Trova nuovi modi per svolgere le attività, incorporare nuove abitudini, consultare i colleghi su come svolgono determinate attività o richiedere tempo per fare un corso o tutoraggio all’interno dell’azienda. Tutte queste e altre variabili sono importanti da considerare per poter incorporare un dipendente, si tratta di cercare chi ha voglia di crescere con l’azienda.
  • Lavoro di squadra:
    Specialmente in ambienti 100% digitali, poter fidarsi degli altri lavoratori, rispettare il loro tempo e avere una comunicazione chiara e sintetica, è un aspetto da non trascurare in nessun caso. Il lavoro di squadra è lo strumento chiave per raggiungere gli obiettivi aziendali.

competenze professionali esempi

Come valutare le competenze lavorative

  • Ruota delle competenze.
    Si tratta di concentrare otto competenze chiave in un grafico a torta che sarà diviso in parti uguali. La misurazione viene effettuata su una scala di punti da 1 a 10 ed è l’ideale per farlo con regolarità. Puoi creare il tuo modello e tenere conto delle competenze più importanti per la tua azienda.
  • KPI e valutazione delle prestazioni.
    Gli indicatori chiave sono essenziali per poter fare un’osservazione coscienziosa sulle prestazioni dei dipendenti. Inoltre, sono alleati importanti per trattenere il talento della nostra azienda e migliorare l’esperienza dei dipendenti. I KPI possono essere personalizzati in base all’abilità o, in questo caso, alla competenza, che si desidera monitorare e misurare.
  • Incontri 1:1.
    Riservare del tempo per trovarsi faccia a faccia, anche tramite videochiamata, è un’ottima iniziativa per valutare non solo le capacità relazionali ma anche per poter capire in prima persona quali sono le competenze lavorative del nostro dipendente e poter dare un feedback in merito. È l’ideale per documentare i punti espressi in questi incontri e seguirli regolarmente.

report kpi banner

I tempi di crisi (al di là dei cliché) sono di fatto momenti di grandi opportunità, per sperimentare, innovare e ampliare i nostri orizzonti. Tutto indica che il contesto in cui ci troviamo non cambierà almeno nel breve-medio termine, quindi avere lavoratori che si adattano a questa situazione con competenze chiave è essenziale quando si fissano gli obiettivi nella nostra organizzazione o si avvia un processo di reclutamento.

Smetti di perdere tempo con le attività delle risorse umane, affidati al Software HR all-in-one per i tuoi processi quotidiani e concentrati su ciò che conta davvero: far crescere il tuo business!

✅ Prova Factorial oggi gratuitamente per 14 giorni e delega i processi delle risorse umane a un software specializzato!

Questo articolo è disponibile anche in: Español, Portugal, Mexican

Isotta è Content Marketing Specialist in Factorial ed è appassionata di comunicazione, copywriting, social media e HR. Ama la natura, viaggiare e giocare a pallavolo.

Post correlati

Lascia un commento