Vai al contenuto

Gestione dei conflitti sul posto di lavoro: guida essenziale

Sul posto di lavoro, passiamo molte ore a lavorare con altri compagni di team. Va tenuto presente che ognuno ha una personalità e valori unici, quindi quando si interagisce con gli altri è molto facile generare discussioni. Pertanto, è importante imparare ad effettuare una corretta gestione dei conflitti sul lavoro dal momento che sono abbastanza comuni in un’azienda.

Poiché in molti casi la risoluzione di queste situazioni è un compito complesso, è necessario che i responsabili della gestione delle Risorse Umane sappiano quali sono i sistemi per la risoluzione delle controversie di lavoro. Questo vale sia per i casi che possono essere risolti rapidamente con una conversazione, sia per quelli che diventano controversia di lavoro, cioè nei casi più gravi.

È vero che ci sono ambienti fisici o attività che possono causare più conflitti di lavoro di altri. Ma quando le persone lavorano in un ambiente tranquillo, si sentono più felici e quindi sono più produttive per l’azienda. Pertanto, è essenziale prevenire ed effettuare una corretta gestione dei conflitti sul lavoro.

Pertanto, in questo articolo spiegheremo come migliorare la gestione dei conflitti sul lavoro, quando è necessario ricorrere alla giustizia e qual è il modo migliore per affrontare queste situazioni.

software risorse umane

Sai come evitare malintesi sul lavoro? Conosci le tecniche che puoi utilizzare per la gestione dei conflitti che avvengono nella tua azienda? Sai già che, in qualità di responsabile delle risorse umane, devi sapere come agire in caso di conflitti e controversie di lavoro.

Se desideri una guida completa su come agire in questi casi, ti consigliamo di leggere questo articolo il più attentamente possibile, poiché saprai quali sono le cause che generano questi disaccordi, la loro tipologia, come evitarli e soprattutto come agire nella gestione dei conflitti sul lavoro.

Cos’è la gestione dei conflitti di lavoro?

Innanzitutto i conflitti sul lavoro sono discussioni tra due o più persone, che avvengono nell’ambiente di lavoro e possono essere originati da qualsiasi motivazione.

Pertanto, possono essere discussioni tra persone o gruppi di persone, che interagiscono per raggiungere l’obiettivo prefissato dall’azienda. Queste controversie sono molto frequenti e, quando sorgono, è necessario sapere come affrontarle per risolverle il più rapidamente possibile.

Quando questi disaccordi sono più gravi o sono legati alla legislazione, possiamo effettivamente categorizzarlo come una controversia di lavoro. Ciò significa che per risolvere la questione, le persone coinvolte dovranno andare in tribunale.

La gestione dei conflitti di lavoro consiste in un’abilità imprescindibile all’interno dell’azienda che consente di mantenere un ambiente di lavoro positivo e mantenere il team coeso.

Cause più comuni di conflitto sul lavoro

Per imparare a prevenire e risolvere queste spiacevoli controversie, è necessario conoscere le ragioni più comuni per cui si verificano, quindi ecco un elenco delle cause più frequenti di conflitti sul lavoro:

  • Carenza di risorse: i dipendenti hanno bisogno, per svolgere i propri compiti, di determinate risorse come computer, fogli di carta, spazi per riunioni, ecc. In un’azienda, dove questi sono scarsi, può portare i lavoratori a competere per queste risorse e quindi causare alcuni disaccordi.
  • Percezioni diverse: i dipendenti possono avere punti di vista diversi su una data situazione; Questo può portare a discussioni e persino arrivare a questioni legali.
  • Obiettivi diversi: l’azienda deve definire i propri obiettivi nel modo più chiaro possibile. Possono sorgere incomprensioni, se ogni dipendente svolge i propri compiti per raggiungere un obiettivo personale e non l’obiettivo comune dell’azienda.
  • Scarsa distribuzione dei compiti: ogni dipendente deve avere dettagliato e per iscritto quali sono i suoi compiti, perché se svolge funzioni che non corrispondono a quelle richieste nel suo lavoro, può portare a conflitti di lavoro dovuti alle mansioni svolte da altri colleghi .
  • Scarsa comunicazione: una cattiva comunicazione può causare incomprensioni tra lavoratori o tra lavoratori e dirigenti. Pertanto, è importante che i dipendenti siano informati sulle politiche aziendali.
  • Valori personali contraddittori: ogni dipendente ha i propri valori personali. Possono esserci differenze culturali o religiose e la mancata accettazione può portare a disaccordi.
  • Diversi modi di lavorare: ognuno ha un modo diverso di svolgere i propri compiti, il che può portare a malintesi.
  • Pressione sul lavoro: quando i dipendenti sono costretti a lavorare con una scadenza difficile da rispettare, ciò può causare pressione e quindi saranno più suscettibili, facilitando il verificarsi di fraintendimenti e conflitti.

👉 Puoi prevenire la gestione dei conflitti sul lavoro migliorando il tuo processo di recruiting, ma sopratutto applicando le giuste tecniche: qui un focus sulle dinamiche di gruppo

Tipi di conflitti di lavoro

La gestione dei conflitti sul lavoro implica la conoscenza del tipo di controversia che stiamo affrontando. Ci sono diversi esempi di conflitti sul lavoro, che possono essere classificati in modi diversi, a seconda dell’approccio che utilizziamo.

1) Tipologie di controversie di lavoro secondo le parti coinvolte:

Intrapersonale: si verifica con la persona stessa, a causa di valori contraddittori tra ciò che viene chiesto e ciò che ritiene corretto.
Interpersonale: coinvolge più parti. Di solito si verifica tra dipendenti e superiori o tra compagni di team. Questo può accadere anche tra dipendenti e clienti.
Intragruppo: uno che si verifica all’interno dello stesso gruppo.
Intergruppo: avviene tra diversi gruppi.
Interorganizzativa: tra due o più organizzazioni.

2) Tipi di conflitti sul lavoro in base alle cause che limotivano:

Relazionale: di solito si verifica quando le persone con personalità diverse si scontrano.
Conflitti di informazioni: a causa di incomprensioni o errori di comunicazione.
Per interessi: quando ognuno ha un bisogno e svolge i propri compiti danneggiando gli interessi degli altri.
Conflitti strutturali: sono prodotti da disuguaglianze culturali o educative in termini di ruoli e funzioni.
Conflitti di valori: quando un dipendente cerca di imporre i suoi valori a un altro.

3) Tipi di conflitti sul lavoro secondo la loro natura:

Contingente: può essere facilmente risolto con diverse alternative.
Dislocato: conflitto minore che nasconde un conflitto maggiore, che è quello che deve essere risolto.
Conflitto erroneamente attribuito: quando le persone coinvolte in un conflitto non sono consapevoli della sua esistenza.

4) Tipi di conflitti sul lavoro in base al loro risultato:

Conflitto costruttivo: quando viene raggiunto un accordo e soddisfa tutte le parti.
Conflitto distruttivo: nessuna soluzione trovata e ci sono conseguenze negative.

gestione dei conflitti sul lavoro

Gestione dei conflitti di lavoro e come evitarli

È sempre meglio evitare problemi che dover ricorrere alla gestione dei conflitti di lavoro. Citiamo quindi una serie di suggerimenti, che possono essere applicati per ridurre al minimo le possibilità di incomprensioni in azienda:

  • Comunicazione adeguata: i dipendenti devono sempre avere indicazioni chiare e complete sui compiti che devono svolgere. Ciò include le scadenze e il modo in cui eseguire i compiti. È molto importante che la comunicazione si basi sul rispetto e sull’educazione reciproca.
  • Definire la politica aziendale: i dipendenti devono sapere, in ogni momento, chi è al vertice o qual è l’organigramma dell’azienda. Devono anche essere chiari sugli obiettivi e le responsabilità che sono loro richieste, nonché sapere quali sono i canali di comunicazione.
  • Indicare i responsabili: per aiutare a prevenire questi problemi, è essenziale nominare una o più persone responsabili della prevenzione di queste discussioni e gestione dei conflitti. Queste persone dovrebbero essere incaricate di rilevare i possibili malintesi che possono sorgere in modo che possano agire in anticipo.
  • Empatia e negoziazione: è importante assicurarsi che i dipendenti comprendano che tutti abbiamo personalità ed esigenze diverse. Pertanto, è fondamentale renderli consapevoli che devono mettersi nei panni dell’altro per capirli e poter raggiungere accordi, per il bene dell’azienda e di chi ne fa le veci.

👉 La prevenzione dei conflitti sul lavoro passa anche attraverso ad una corretta politica di valutazione delle performance individuale.

Gestione dei conflitti e controversie di lavoro

Per la risoluzione dei conflitti sul lavoro e delle controversie di lavoro, sono necessarie due cose:

  • Rileva il problema in tempo, per evitare che diventi qualcosa di più grande.
  • Avere un piano d’azione, in modo che la gestione dei conflitti sul lavoro abbia una risposta efficace e rapida.

Nel piano d’azione che l’azienda ha, è necessario registrare tutte le strategie per la gestione dei conflitti al fine di risolvere queste discussioni. A seconda della causa e delle parti coinvolte, sarà meglio applicare alcune strategie oppure altre.

Si raccomanda inoltre che la persona responsabile della gestione dei conflitti sul lavoro non sia a favore di nessuna delle parti: è importante essere il più neutrale possibile.

Suggerimenti per risolvere i conflitti sul posto di lavoro

Ti daremo una serie di consigli molto utili, in modo che tu sappia come affrontare correttamente le controversie di lavoro e migliorare la gestione dei conflitti nella tua azienda.

Seguili!

  • Incontra le parti coinvolte per cercare di risolvere il problema.
  • Mantieni la calma e ascolta attentamente ciascuno.
  • Comprendi ciò che ciascuna parte vuole ottenere.
  • Fagli capire che non esiste un unico modo di vedere le cose e che devono essere disposti a rinunciare a qualcosa per arrivare a una soluzione.
  • Impedisci loro di attaccarsi a vicenda personalmente.
  • Identifica ciò con cui sono d’accordo o in disaccordo per proporre soluzioni.

Fasi di gestione dei conflitti sul lavoro

I passaggi da eseguire per la gestione dei conflitti sul lavoro sono:

  • Rileva il conflitto: deve essere rilevato il prima possibile, per evitare che diventi un problema più serio.
  • Identifica le persone coinvolte nella discussione.
  • Studia la situazione: scopri la causa della controversia e ascolta tutte le parti in modo neutrale.
  • Stabilsci l’obiettivo da raggiungere per risolvere il malinteso.
  • Crea le condizioni necessarie per risolvere il conflitto: per fare questo, incontra le persone in un luogo piacevole e tranquillo. Quindi, ascolta tutti i punti di vista, sii ottimista e insisti su obiettivi comuni in modo che sia più facile raggiungere un accordo.
  • Discussione tra le parti: dopo aver ascoltato tutte le versioni, lascia che discutano il problema che hanno. Ma guidali in questo dialogo e fai loro vedere che, per arrivare a una soluzione, devono essere disposti a risolvere il problema.
  • Ricerca di soluzioni: tra tutte le soluzioni possibili, dobbiamo individuare quelle con cui le parti coinvolte sono d’accordo. Dovrebbero essere messe per iscritto le azioni che ciascuno deve intraprendere per risolvere il conflitto.
  • Monitoraggio delle azioni: è necessario verificare se le azioni proposte sono state realizzate e misurarne i risultati per vedere se l’obiettivo è stato raggiunto, altrimenti è necessario apportare delle correzioni.

Tecniche utili nella gestione dei conflitti sul lavoro

Queste sono alcune delle tecniche utilizzate dai professionisti e dai manager delle risorse umane per la gestione dei conflitti sul lavoro:

Arbitrato

È la tecnica normalmente utilizzata per risolvere situazioni gravi che richiedono una rapida soluzione. È mediato da una terza persona, eventualmente responsabile delle risorse umane, che, sentite le parti, proporrà una soluzione. Di solito è la tecnica che dà i risultati meno soddisfacenti.

Facilitazione

Viene applicato per risolvere problemi di bassa o media gravità. Consiste in una terza persona, neutrale, che aiuta le parti coinvolte nel dialogo. Ma fa attenzione! Non offrire una soluzione al conflitto, in quanto arriverà con l’accordo tra le suddette parti.

Mediazione

Si consiglia di utilizzarlo quando la trattativa tra le parti per raggiungere una soluzione comune, non arriva. È qualcosa di più formale della facilitazione e il mediatore deve creare l’ambiente giusto affinché si comprendano a vicenda.

Indagine

Consiste nell’intervento di uno o più esperti per effettuare valutazioni e raccomandazioni per risolvere il conflitto. Si consiglia di eseguire questa tecnica prima di negoziare. Questa tecnica è valida nei casi di controversie di lavoro, ad esempio, quando il parere di un avvocato o specialista può facilitare la risoluzione del problema.

Negoziazione

Questa è la tecnica migliore, ma non è sempre possibile che si verifichi. Riguarda le persone coinvolte nella controversia di lavoro che cercano, in modo pacifico e rispettoso, di trovare una soluzione che risolva il problema.

👉 Essere in grado di riconoscere il potenziale del personale, ti aiuterà nella gestione dei conflitti: scopri come in questo focus.

gestione dei conflitti sul posto di lavoro

Riassunto generale sulla gestione dei conflitti di lavoro

I conflitti sul lavoro sono controversie di lavoro tra due o più persone all’interno di un’azienda. Sono molto comuni e i responsabili delle risorse umane dovrebbero cercare di evitarli. Se lo fanno, dovrebbero essere pronti a correggerli il prima possibile. Prima che diventino problemi più seri.

Se si arriva a quel punto, dovremo affrontare una controversia di lavoro. In questi casi, è importante disporre di assistenza legale per risolvere il problema.

Le cause per le quali si verificano queste situazioni sono molto varie. Possono essere dovuti a diversi modi di lavorare, differenze nei valori personali o anche per diversi obiettivi professionali.

La gestione dei conflitti sul lavoro non è sempre facile. Esistono diverse tecniche che aiutano le parti coinvolte a raggiungere un accordo: facilitazione, mediazione, arbitrato, negoziazione, indagine.

Ora sei pronto per risolvere, quando si presenta la tua azienda, qualsiasi tipo di discussione tra due o più persone.

Per migliorare ulteriormente la gestione delle persone, puoi contare sull’ausilio di un software specializzato che ti aiuti a gestire i processi e le attività delle Risorse umane. Consenti alle risorse umane di concentrarsi su ciò che conta di più: le persone!

valutazione dipendenti banner factorial

✅ Iscriviti a Factorial e prova gratuitamente il software HR che trasforma la gestione del personale nella tua azienda per 14 giorni!

This post is also available in: English US Español Português PT Mexican

Post correlati

Lascia un commento