Contratti di lavoro: Cosa bisogna sapere?

Nel redigere i contratti di lavoro, è raro che i professionisti delle risorse umane pensino ad altre questioni importanti che potrebbero incidere sui diritti dei lavoratori. Per evitarlo, è molto importante avere informazioni sui vari tipi di contratti, sui diritti in termini di formazione, pratiche o situazioni particolari, tra le altre cose. Ma non preoccuparti, nell’episodio odierno del blog di Factorial li ripasseremo tutti, cercando di chiarire un po’ di più il complesso mercato del lavoro e quale contratto si adatta a ciascun caso.

  • Qual è l’importanza dei contratti?
  • Cosa c’è da sapere sui contratti?
  • Quali sono i principali tipi di contratto?
  • Altro sui contratti?

L’importanza dei contratti

Il contratto di lavoro è un documento legale che certifica il rapporto lavorativo tra il dipendente e l’impresa. In questo documento si stabilisce per iscritto tutte le condizioni che determinano l’attività dell’impiegato in azienda, siglando così l’accordo reciproco raggiunto tra datore e subordinato, nel quale la persona assunta occuperà un impiego in cambio di un corrispettivo economico. C’è un grosso problema con tutto ciò… che molti professionisti non sanno ancora come redigere correttamente un contratto o addirittura i tipi di contratto che hanno a disposizione… né conoscono la gravità della questione se stipulano contratti di lavoro senza essere ben informati sulle normative. Vediamo alcune soluzioni di base per aiutarti ad entrare nel mondo dei contratti.

Tutto quello che c’è da sapere sui contratti

Ognuno dei diversi tipi di contratto di lavoro deve includere, per legge, una serie di dati e informazioni specifiche sulle condizioni e sui rapporti di lavoro che si instaureranno tra l’azienda e il dipendente. Le piu’ importanti sono:

  • Dati dell’azienda e del dipendente.
  • Il tipo di contratto.
  • Centro di lavoro.
  • Data di inizio del contratto.
  • Data di scadenza del contratto (e durata nel caso di un contratto temporaneo), salvo nel caso di contratti a tempo indeterminato.
  • La categoria professionale cui appartiene il dipendente e le funzioni da svolgere.
  • Periodo di prova previsto.
  • Causa giustificante della natura temporanea del contratto.
  • Orario di lavoro e distribuzione della giornata lavorativa, nonché durata delle ferie.
  • Retribuzioni e stipendi che il dipendente riceverà con il numero di pagamenti annuali specificato.
  • Contratto collettivo che si applica al lavoratore.

I principali tipi di contratto

I tipi di contratti possono dipendere sia dalle esigenze delle imprese che dalle caratteristiche del lavoratore. Così, secondo le esigenze dell’azienda e dei dipendenti, possiamo trovare:

Contratti indefiniti

Questo contratto ha lo scopo di stabilire un rapporto di lavoro senza limiti di tempo. Tali contratti di lavoro possono essere redatti verbalmente o per iscritto per accordi a tempo pieno o a tempo parziale.

Contatti temporali

I contratti temporanei possono essere stipulati nelle seguenti circostanze:

  • Contratto per l’esecuzione di una specifica mansione o servizio: si concorda di eseguire una mansione o servizio specifico, la cui esecuzione, sebbene limitata nel tempo, ha una durata incerta fin dall’inizio. Se la durata supera un anno, è necessario un preavviso di 15 giorni prima della fine dell’incarico o del servizio per rescindere il contratto. Se il datore di lavoro non fornisce questo avviso, il collaboratore ha diritto ad un indennizzo.
  • Contratto per contingenze produttive: l’obiettivo di questo contratto è quello di soddisfare le esigenze contingenti associate al mercato del lavoro, un registro o un eccesso di ordini. La durata del contratto non può superare i 6 mesi all’interno di un periodo di 12 mesi.
  • Contratto di sostituzione temporanea: quando è necessario sostituire un lavoratore con il diritto di mantenere il posto di lavoro. Deve specificare il lavoratore sostituito e il motivo della sostituzione.

Il motivo per cui le aziende preferiscono offrire contratti a tempo determinato piuttosto che a tempo indeterminato è molto chiaro: minore è l’anzianità del dipendente, minore è la compensazione che dovrà essere pagata se finisce per essere licenziato. I contratti di lavoro temporaneo dovrebbero servire solo per assistere le imprese in caso di lavoro eccessivo o per coprire un posto vacante riservato ad un altro impiegato che non sarà disponibile per un periodo di tempo limitato.

Contratti di formazione

Possono essere stilati con i lavoratori di età superiore ai 16 anni e inferiore ai 21 che non hanno le qualifiche necessarie per stipulare un contratto di lavoro. Alcuni possono essere assunti nel quadro di un contratto di formazione, anche se sono al di sopra del limite di età. Il contratto deve avere una durata minima di sei mesi, ma non superiore a due anni.

Contratti d’esperienza lavorativa

Per concludere il presente contratto devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:

  • Il lavoratore deve essere in possesso di una delle seguenti qualifiche: diploma universitario o formazione professionale o equivalente.
  • Non devono essere trascorsi più di quattro anni dal completamento degli studi corrispondenti o dalla convalidazione. Se la qualifica è stata ottenuta all’estero, o sei anni se il contratto è stipulato con un lavoratore disabile.
  • Il contratto deve avere una durata minima di sei mesi, ma non superiore a due anni.

Contratti di lavoro a tempo parziale e a domicilio

La durata di tali contratti può essere a tempo indeterminato o fisso. Devono essere sempre redatti per iscritto, specificando il luogo di prestazione dei servizi e la durata della giornata lavorativa.

banner controllo orario

Video esplicativo (English): Contratti di lavoro: Cosa dovreste sapere?

Qualcos’altro sui contratti?

Come appunto finale, una volta terminato il contratto, esso può essere esteso fino al massimo legale che ogni caso permette. Oltre il giorno della conclusione, se il dipendente continua il suo lavoro il contratto diventerà automaticamente a tempo indeterminato… quindi attenzione, colleghi. È importante ribadire la necessità di indagare ed essere ben informati prima di redigere un contratto. Inoltre per i dipendenti appartenenti ai gruppi più discriminati, come i lavoratori disabili, sono previste specifiche clausole di tutela.

 

Prova Factorial gratis per 14 giorni e noterai la differenze nell’organizzazione

This post is also available in: Español Svenska Nederlands Deutsch

Leave a Comment