Vai al contenuto
mobbing sul lavoro esempi

Mobbing sul lavoro: come riconoscerlo e gestirlo nella tua azienda

Chiamiamolo per quello che è, il mobbing sul lavoro è fondamentalmente una sorta di bullismo di massa o di gruppo che sfocia in di molestie e atti crudeli, consci o inconsapevoli, progettati per minare la fiducia, sfidare la concorrenza e danneggiare il rendimento di alcuni dipendenti.

Sapevi che in paesi come la Spagna almeno il 15% delle molestie sul posto di lavoro è mobbing? I fatti sono fatti. Gli studi dimostrano che le vittime di questi episodi sono in genere chiunque sia “diverso” rispetto alla maggioranza delle persone dell’organizzazione. Le vittime sono generalmente competenti, istruite, resilienti, schiette, sfidano lo status quo, sono più empatiche o attraenti e tendono ad essere donne, di età compresa tra 32 e 55 anni. Tra le persone più esposte al rischio di mobbing sul lavoro ci sono anche quelle che appartengono a gruppi minoritari o che sono già vittime di razzismo.

Nell’articolo di oggi parleremo di tutto quello che c’è da sapere sul mobbing sul posto di lavoro.

Software HR Factorial

Che cos’è il mobbing sul lavoro?

Non si tratta di una problematica affatto nuova nei posti di lavoro. Un vecchio studio illustra il lavoro in fabbrica negli anni ’40. La migliore performance del gruppo era solitamente chiamata “rate-buster”. Temendo che l’elevata produttività facesse diminuire il tasso di bonus della loro unità, i lavoratori hanno raggiunto un consenso informale per produrre solo a un certo livello. Il problema è che i migliori lavoratori hanno rifiutato di essere influenzati da questa norma di gruppo. “Colpevoli” di eseguire il loro lavoro nel migliore dei modi e di cercare di ottenere gli incentivi salariali individuali stabiliti dai leader, questi lavoratori sono stati molestati, minacciati e talvolta attaccati dai loro colleghi, tutto perché si sono rifiutati di adattarsi alle pressioni degli altri per limitare il rendimento sul lavoro.

👉 Vuoi essere un esperto people manager? Tutto quello che vuoi sapere sul people management e la nuova definizione di risorse umane lo troverai in questa guida.

Le ripercussioni del mobbing sul lavoro possono essere devastanti. Conseguenze frequenti sono una scarsa soddisfazione sul lavoro, un ridotto coinvolgimento dei dipendenti, un elevato conflitto sul posto di lavoro e un elevato turnover. Le conseguenze per l’organizzazione possono anche essere gravi e, tra queste, la perdita di talento, creazione di una cultura del posto di lavoro tossica, prestazioni lavorative a basso rendimento dei dipendenti e il potenziale per costose controversie.

Un costo nascosto del mobbing sul lavoro è il danno arrecato a diversi individui e gli sforzi dell’organizzazione verso la diversity & inclusion. I bersagli del mobbing sul lavoro tendono ad essere persone competenti e con buone prestazioni e i dati mostrano che soprattutto le donne, gli stranieri e le persone considerate “diverse” sono vittime frequenti del mobbing sul lavoro.

Il dipartimento delle risorse umane ha un ruolo estremamente importante da svolgere e la responsabilità di mantenere un luogo di lavoro libero da atti di bullismo. Questo dovrebbe rendere l’ufficio un luogo di lavoro molto più produttivo e piacevole in quanto questi comportamenti possono essere prevenuti o fermati non appena vengono segnalati. I dipendenti si sentiranno più apprezzati e rispettati quando sapranno che il loro datore di lavoro si impegna a fornire un ambiente sicuro e professionale ai propri dipendenti. Ora come puoi iniziare a gestire ciò?

mobbing sul lavoro significato

Cosa dice la legge sulle molestie sul posto di lavoro?

La maggior parte dei paesi ha leggi contro le molestie sul posto di lavoro. Ad esempio, negli Stati Uniti, ci sono progetti come The Healthy Workplace Bill per cercare di proteggere i dipendenti.

In Italia l’articolo 2087 del Codice civile cita “un generale obbligo di sicurezza sul lavoro, imponendo all’imprenditore di adottare tutte le misure necessarie per proteggere non solo l’integrità fisica, ma anche il benessere psicologico del lavoratore”. E nella maggior parte dei paesi del mondo, ci sono politiche che funzionano con gli stessi requisiti.

Il problema è che, sebbene disponiamo di leggi che proteggono da questi atti meschini, il più delle volte non sono sufficienti. Sfortunatamente, i dipartimenti delle risorse umane troppo spesso chiudono un occhio su problemi come questo.

Quali sono le prove di mobbing sul lavoro?

Per molestie sul lavoro o mobbing sul lavoro si intendono le “molestie psicologiche o ostili nell’ambito di qualsiasi attività lavorativa o di servizio civile, che umiliano la persona che le subisce, imponendo situazioni di grave offesa alla dignità”. Va inoltre compreso che il mobbing sul lavoro può intaccare l’integrità morale o anche fisica della vittima.

La Legge di regolamentazione della giurisdizione sociale richiede che le vittime possano provare le molestie subite, e ciò sarà fatto sulla base di dichiarazioni di testimoni, messaggi, ecc. Se viene portata in sede penale, tale prova deve costituire reato e superare ogni ragionevole dubbio.

👉 Potrebbe esserti utile questo modello gratuito di valutazione delle prestazioni dei dipendenti.

modello gratis valutazione delle prestazioni dipendenti

Cosa fare contro il mobbing sul lavoro? Strategie di esempio

Piuttosto che elencare le tendenze che potrebbero aiutare, parliamo di soluzioni concrete che puoi iniziare a praticare oggi.

1. Sii specifico/a

È essenziale adottare politiche formali per vietare il mobbing sul lavoro. Sebbene le politiche delle risorse umane si riferiscano spesso alle molestie individuali, non si riferiscono specificamente alle molestie di gruppo o tra pari.

Includere un linguaggio con un focus esplicito su atti di molestia o bullismo di gruppo diretti a dipendenti diversi è un passaggio fondamentale per le organizzazioni, allo stesso modo in cui in alcuni paesi vengono sviluppate leggi specifiche per affrontare i crimini di odio.

2. Sii attento

È fondamentale riconoscere che le molestie e il bullismo sul posto di lavoro aumentano nei luoghi di lavoro altamente competitivi, soprattutto quando le risorse sono limitate. Le strategie di gestione che prevedono che i dipendenti si mettano l’uno contro l’altro per dimostrare il proprio valore possono far sentire i colleghi minacciati da dipendenti ad alte prestazioni e indurli a impegnarsi in atti di bullismo di gruppo per non rischiare di perdere il proprio lavoro. Diversi dipendenti ad alte prestazioni si distinguono sul posto di lavoro e possono diventare facili bersagli per il mobbing sul lavoro.

La disponibilità di luoghi di lavoro inclusivi in ​​cui vi sia collaborazione, tutoraggio tra pari e un equilibrio tra ricompense di gruppo e individuali sono modi efficaci per compensare e forse prevenire il mobbing sul lavoro, in particolare quello che si rivolge a dipendenti “diversi”.

3. Sii proattivo

Costruire organizzazioni inclusive che resistono al bullismo di gruppo richiede sforzi impegnati e proattivi da parte di leader socialmente responsabili.

Esamina il tuo comportamento per assicurarti di dare il buon esempio. I leader devono imparare, prestare attenzione e rispondere ai segnali di mobbing sul posto di lavoro. I leader non dovrebbero rimanere in silenzio quando ricevono frequenti lamentele di microlesioni nei confronti dei migliori performer. Il modo in cui un leader risponde (o non risponde) a questi incidenti e comportamenti invia un segnale potente al resto dei dipendenti.

4. Sii un eroe

Per quanto sdolcinato o cliché possa sembrare, è il più difficile per molte persone. Non tacere se subisci o vedi atti di bullismo. Ricorda, quando qualcuno mostra un comportamento prepotente e ottiene ciò che vuole, rinforza tale comportamento.

Stabilisci punti di contatto o aiutanti fidati, in modo che i dipendenti sappiano dove chiedere aiuto se dovesse arrivare il momento. Sei un modello che può influenzare gli altri, che ti piaccia o no. Parla con i dipendenti e fai domande aperte sull’ambiente di lavoro, sull’atmosfera e su come stanno andando le cose. Fai lo stesso con i supervisori. Incoraggiare una comunicazione aperta e la volontà di intervenire quando necessario. Tutti possono essere degli eroi.

Per ulteriori strategie per gestire i bulli al di fuori della tua attività, ti consigliamo The Bully-Proof Workplace: Essential Strategies, Tips, and Scripts for Dealing with the Office Sociopath. Ti sarà molto utile!

👉  Qui ti proponiamo una guida completa per la gestione delle Human Resources della tua azienda.

mobbing sul lavoro cosa fare

Come sporgere denuncia per molestie sul lavoro?

In qualità di team manager e responsabile della gestione di una situazione di mobbing sul lavoro, devi gestire questa situazione con molta attenzione e parlare con tutte le parti coinvolte.

Pertanto, ti consigliamo di non saltare questi step:

  • Un incontro con la persona che segnala le molestie sul lavoro. È importante estrarre quante più informazioni possibili e offrire al dipendente un luogo sicuro, dove sia rispettata la sua riservatezza. È anche fondamentale non prendere posizioni; limitati semplicemente a mediare.
  • Un incontro con l’imputato di aver compiuto il mobbing sul lavoro. Fornisce l’opportunità per lui di offrirti la sua visione degli eventi.
  • Se necessario, altri incontri con altri dipendenti. Per analizzare altre relazioni delle due parti, l’ambiente di lavoro del team di lavoro o dell’azienda, ecc.
  • Un’analisi delle informazioni raccolte. Questa potrebbe essere la fase più complicata, poiché dovrai prendere una decisione con tutto ciò che hai sentito e osservato.

Per lo studio del caso di denuncia di mobbing lavorativo, invece, il dirigente o mediatore dovrà raccogliere la seguente documentazione:

  • Consenso del lavoratore.
  • Dati raccolti durante gli incontri.
  • Report, che sarà valutato dall’autorità competente. Tale commissione deve analizzare il caso secondo principi di equità, imparzialità e riservatezza.

👉  Qui ti spieghiamo cosa dice l’Inail sullo stress lavoro correlato.

Dove denunciare le molestie sul posto di lavoro?

Quando un dipendente subisce mobbing sul lavoro, può informare l’azienda in modo che possa adottare le misure necessarie per garantire un posto di lavoro sicuro per questo lavoratore.

Nel caso in cui l’azienda non faccia nulla per risolvere tale situazione, il dipendente può citare in giudizio l’organizzazione per omissione, avviando procedimenti civili o anche penali nei confronti della persona o delle persone che hanno effettuato la molestia.

Tale denuncia può essere presentata alle forze dell’ordine, e quindi alla Polizia, ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza o alla Procura della Repubblica. E non solo quello; La persona che effettua la denuncia non deve essere necessariamente l’azienda o la vittima del mobbing.

👉  Leggi qui una guida su come la leadership aziendale può aiutarti a supportare la salute mentale dei tuoi lavoratori.

Risarcimento per molestie sul lavoro

Secondo il codice penale dello stato italiano, commettere mobbing può essere considerato un reato ed essere punito con una multa o, nei casi più estremi, addirittura tre anni di reclusione.

L’indennità che corrisponde al lavoratore sarà calcolata dal momento in cui ha subito il mobbing e dal tempo durante il quale il lavoratore è in congedo medico per ansia da lavoro.

In definitiva, tutti i leader dovrebbero trattare il mobbing sul lavoro per quello che è: “veleno lento” per le organizzazioni inclusive. I leader delle organizzazioni inclusive devono affrontare in modo proattivo l’aumento del mobbing sul lavoro per trattenere i talenti.

La fase “startup” è una grande opportunità per le aziende per sviluppare una cultura del benessere fin dall’inizio. Drammi, pettegolezzi, lotte di potere e politica d’ufficio sono spesso inevitabili, almeno in una certa misura. Potremmo non convincere i bulli ad ammettere che hanno torto, ma le persone che sostengono una cultura del lavoro progettata per supportare una zona di lavoro libera da aggressioni possono scoraggiare il loro comportamento dannoso.

✅ Prova gratuitamente il software Factorial e migliora la gestione dei tuoi talenti in azienda

Questo articolo è disponibile anche in: English US, Español, Portugal

Isotta è Content Marketing Specialist in Factorial ed è appassionata di comunicazione, copywriting, social media e HR. Ama la natura, viaggiare e giocare a pallavolo.

Post correlati

Lascia un commento