La gestione delle ferie e come calcolarla

Si sta avvicinando l’estate: le temperature inziano ad alzarsi, le giornate si allungano e si incomincia a pensare alla destinazione dove spendere le giornate di ferie accumulate durante il duro anno di lavoro.

Ma facciamo un passo indietro: quanti giorni si hanno a disposizione e come si calcolano le ferie di un lavoratore dipendente in Italia?

Cosa dice la Legge

L’articolo 36 della Costituzione italiana parla chiaro: “Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite“, aggiungendo che l’impiegato “non può rinunziarvi“. Il diritto irrinunciabile sancito nella Costituzione è regolamentato dal Codice Civile nell’art. 2109 e dal Decreto Legislativo 66/2003, dove viene stabilito che ogni dipendente ha diritto ad un minimo di 4 settimane di ferie annue. Ad ogni lavoratore spettano dunque 28 giorni effettivi di vacanze, dei quali 2 settimane devono essere consecutive. Le 2 settimane rimanenti possono essere usufruite in maniera non continuativa entro 18 mesi dalla fine dell’anno in cui sono state maturate.
Il periodo di ferie può comunque aumentare, se previsto dal CCNL.

banner controllo orario

Come si calcolano i giorni di ferie?

Dopo aver stabilito il minimo definito dalla legislazione italiana, cerchiamo di capire come calcolare le vacanze a cui ha diritto ogni lavoratore.
Il numero di giorni dipende dal periodo di lavoro dell’impiegato: se il dipendente non lavora in maniera continua per un anno, ha diritto ad un totale di giorni proporzionale al servizio lavorativo effettuato. In genere, si attribuisce 1/12 del monte annuo per ogni mese di lavoro e vengono considerate come mese intero le frazioni mensili uguali o superiori a 15 giorni.
Ecco la formula per semplificare il calcolo:

Nº Giorni di ferie effettivi = nº mesi di lavoro * ( giorni spettanti per legge / 12 )

 

È possibile monetizzare le ferie non usufruite?

La Legge italiana vieta espressamente il pagamento di ferie non godute dal lavoratore. Tuttavia, sono previste due eccezioni in cui è possibile monetizzare il periodo feriale minimo:

  1. Interruzione del rapporto lavorativo (per licenziamento o dimissioni);
  2. Contratto di lavoro avente durata inferiore ad un anno.

In caso di non fruizione entro la loro scadenza (tra 12 e 18 mesi) l’azienda deve versare all’INPS i contributi corrispondenti e ciò comporta una sanzione che può andare da 100 a 4500 €, come esplicitato nell’art. 7 della legge 183/2010.

Chi è che decide il periodo feriale?

Sta all’impresa comunicare il periodo in cui i lavoratori possono andare in vacanza; questa finestra temporale viene stabilita nel piano ferie aziendale. L’azienda stessa deve impegnarsi a comunicare tale periodo preventivamente e con ogni mezzo possibile, per permettere ai loro dipendenti una gestione delle ferie adeguata e d’indicare quando intendono godersi il meritato riposo.
In ogni caso, l’accettazione definitiva delle ferie spetta al datore di lavoro, in base alle esigenze aziendali; oltretutto gli impiegati non possono scegliere il periodo feriale indipendentemente e senza il consenso da parte dell’impresa.

gestione delle ferie dei dipendenti

 

Factorial HR: il miglior modo per gestire ferie e assenze dei tuoi dipendenti

Stabilire il miglior periodo in cui i tuoi lavoratori possono godere delle proprie vacanze, riuscire a conciliare le richieste di tutti gli impiegati senza che si sovrappongano più assenze e accettare ogni singola domanda di ferie non è affatto un compito semplice. Gli HR Manager sanno molto bene quanto la pianificazione feriale sia un’attività molto dispendiosa a livello di tempo ed energie.

Ehi, sai che c’è? Abbiamo la soluzione a tutti questi problemi: si chiama Factorial!

Attraverso il nostro software completamente gratuito, potrai avere una visione completa del calendario lavorativo e feriale di tutti i dipendenti della tua azienda ed ognuno potrà richiedere autonomamente i propri day off, con un semplice clic.

Non servirà parlare con ogni lavoratore: dal loro account, i dipendenti potranno richiedere assenze e conoscere le ferie rimanenti. Saranno poi i manager e supervisori che dovranno approvare o rifiutare le assenze. Ogni volta che un impiegato effettuerà una nuova richiesta, avviseremo le persone responsabili affinché possano gestirla.

Dimenticati di mille scartoffie e fogli di calcolo. Lascia che Factorial si occupi della gestione di ferie e permessi e tu potrai dedicarti a ciò che conta davvero. Il benessere dei tuoi dipendenti.

 

Se vuoi creare o scaricarti un modello Excel di gestione ferie, dai un’occhiata a quest’articolo che ti spiega come fare.

Leave a Comment