Vai al contenuto
clima aziendale

Clima aziendale: i 10 errori più comuni che si commettono [+ test gratis]

Una delle principali caratteristiche distintive di un’azienda è la sua cultura. Questa si forma grazie ai legami e alle dinamiche di gruppo che vi si generano e in questo aspetto il ruolo dell’area risorse umane è fondamentale per sviluppare uno spazio che contribuisca al benessere e alla produttività.

Non si tratta solo di verificare che i dipendenti si diano il buon giorno o che ci sia una buona illuminazione negli uffici. Insieme allo stipendio, al tipo di contratto e alle possibilità di crescita, il clima aziendale è un fattore determinante per la fidelizzazione dei talenti. In ambienti di lavoro ostili o freddi, non solo diminuisce la produttività, ma aumenta il tasso di turnover.

👇 Scarica il nostro sondaggio sul clima aziendale 👇

clima aziendale

 

Prima di mettere in atto piani di emergenza per migliorare la cultura aziendale, è importante sapere in che situazione si trova la nostra organizzazione, per questo abbiamo creato per te un modello di indagine sul clima aziendale che puoi modificare, includendo o modificando le domande che ci vengono poste più di frequente. Adattalo alla tua azienda. Si tratta di un sondaggio di 12 domande, anonime, con cinque indicatori di soddisfazione.

Cos’è il clima aziendale?

La definizione di clima aziendale potrebbe essere intesa come l’ambiente, le caratteristiche sociali e le condizioni fisiche in cui i dipendenti svolgono i loro compiti. Questi elementi possono influenzare i sentimenti di benessere generale, rapporti di lavoro, collaborazione, efficienza e salute dei dipendenti. In questo senso, possiamo parlare di due grandi aspetti dell’ambiente di lavoro: il tangibile e l’intangibile.

Il clima aziendale tangibile, come suggerisce la parola, si riferisce alle condizioni materiali. Ciò include gli uffici e la disposizione dei mobili, nonché le risorse necessarie per lavorare. Dai computer alle scrivanie, fino a una corretta ventilazione e igiene.

D’altro canto, il clima aziendale immateriale include altri elementi forse più soggettivi che compongono la vita quotidiana di un’azienda. Prima di tutto, possiamo menzionare la cultura, questo include il modo in cui un’azienda e i suoi dipendenti operano, compresi il modo e i mezzi con cui comunicano, la visione che i dipendenti hanno dei leader dell’azienda, gli obiettivi e i valori dell’organizzazione.

Allo stesso tempo, le condizioni di lavoro influenzano anche il clima aziendale immateriale. In questo caso ci riferiamo al regime orario o salariale, al tipo di contratto che hanno i collaboratori e per quanto tempo è prorogato.

questionario clima aziendale gratis

Perché il clima aziendale è importante?

Il clima aziendale, come abbiamo già stabilito, non è una questione unidimensionale. Al contrario, include la sfera che riguarda specificamente il ruolo del lavoro e le sue implicazioni oltre che il contesto che possono risultare in un clima aziendale positivo o un clima aziendale negativo.

È proprio perché è un elemento che attraversa la cultura organizzativa in modo trasversale, che le conseguenze (positive o negative) della gestione dell’ambiente di lavoro hanno un triplice impatto: sulla produttività, sulla soddisfazione e sull’esperienza dei dipendenti.

L’impatto sulla salute:

Secondo un rapporto della pubblicazione specializzata, Harvard Business Review, nelle aziende in cui c’è alta pressione o alti livelli di stress tra i dipendenti, le spese mediche sono quasi il 50% più alte rispetto ad altre organizzazioni.

Inoltre, si stima che circa il 60-80% degli infortuni sul lavoro siano attribuiti allo stress, così come oltre l’85% delle visite mediche.

L’impatto sulla produttività:

Questa è senza dubbio l’area in cui le ripercussioni di un ambiente di lavoro non ottimale sono più evidenti. Secondo uno studio di Udemy, millennials e centennials trascorrono almeno due ore della giornata controllando i propri social network dal proprio cellulare. Nel 2015, Oxford Economics ha condotto un sondaggio in cui il 53% delle persone consultate ha affermato che malumori sul posto di lavoro hanno ridotto la loro produttività.

Indicatori del clima aziendale

Uno dei modi migliori per scoprire e monitorare in maniera affidabile il clima aziendale è utilizzare degli indicatori e condurre un’analisi del clima aziendale. Così come esistono, ad esempio, i KPI che effettuano valutazioni delle prestazioni, lo stesso accade con il clima aziendale.

Avere un software per le risorse umane che ci consenta di personalizzare questo tipo di valutazione è fondamentale per poter generare gli indicatori che ci guidino in questo senso. Quando si pensa a quali elementi possiamo considerare e quali azioni per migliorare il clima aziendale è bene intraprendere, potremmo elencare:

  • Condizioni di lavoro.
    Si tratta di valutare se i lavoratori sono a proprio agio con le piattaforme e gli strumenti che utilizzano quotidianamente, nonché con la loro percezione del lavoro, tra le altre cose.
  • Leadership.
    Si concentra sulla comprensione di come si sentono i lavoratori in relazione ai team leader.
  • Senso di appartenenza o impegno.
    Qui cercheremo di sapere quanto il dipendente è coinvolto con l’azienda indagando quanto conosce gli obiettivi, i valori e la missione dell’azienda.
  • Rapporti e dinamiche all’interno dell’azienda.
    Sapere se c’è interesse a svolgere attività ricreative all’interno o all’esterno dell’azienda è fondamentale per capire se ci sono possibilità di generare una community di collaboratori forte e integrata.
  • Riconoscimenti e ricompense.
    Questo ci aiuterà a sapere se i dipendenti sono soddisfatti del modo in cui vengono pagati i loro sforzi, al di fuori del compenso puramente monetario.
  • Sviluppo professionale.
    I dipendenti sanno qual è il piano di crescita professionale e, in tal caso, ne sono entusiasti?
  • Pari opportunità.
    Servirà per sapere se tutti i dipendenti allo stesso modo (indipendentemente dal sesso, ad esempio) sentono che l’azienda fornisce equità al momento della loro partecipazione e crescita in azienda.

10 Errori nella gestione dell’ambiente di lavoro

Come abbiamo sempre detto, esistono tanti tipi di cultura aziendale quante sono le aziende. Tuttavia, in termini generali, la maggior parte delle aziende che non riescono ad avanzare verso una gestione umana efficiente orientata alla collaborazione produttiva, hanno in comune il fatto di trovarsi a commettere questi dieci errori.

1. Non sapere come bilanciare la vita personale e quella lavorativa.

Succede in aziende di tipo tradizionalista o più conservatrici. Dare priorità al lavoro soprattutto senza concedere ai lavoratori giorni di ferie, o rimproverare quando si richiede un congedo per malattia, sono fattori che contribuiscono a creare sfiducia, risentimento e, in generale, alimentano l’insoddisfazione che fa aumentare i tassi di assenteismo e dimissioni.

2. Privare i dipendenti di “avere la propria voce”.

I lavoratori sono quelli che si trovano in prima linea in qualsiasi azienda, quindi, di solito, sono quelli che hanno maggiore familiarità con le operazioni, i vantaggi, gli svantaggi e le opportunità dell’azienda. La loro prospettiva è quasi sempre preziosa e dovrebbe essere ascoltata anche quando non lo è. Dare la priorità alle opinioni o alle iniziative dei supervisori rispetto a quelle dei lavoratori è un errore fatale che diminuisce il coinvolgimento.

3. Confondere la motivazione con la concorrenza.

Stimolare la partecipazione e la collaborazione dei lavoratori e dei team è sempre una buona scommessa. Ma questo non dovrebbe mai superare i limiti e trasformare l’ufficio in un campo di battaglia per risaltare o ottenere vantaggi extra. Le competizioni interne raramente portano al successo e generalmente danneggiano il lavoro di squadra.

4. Dare origine a commenti e incitamento all’odio.

Tutte le persone hanno diritto alla libertà di espressione, ma quando ci concentriamo sul clima interno aziendale, dobbiamo creare e sostenere uno spazio sicuro per tutti i lavoratori che possono appartenere a diversi gruppi (siano essi religiosi, sociali, di genere, eccetera.). Promuovere un ambiente di lavoro in cui vi sia spazio per commenti offensivi è una ricetta infallibile per il fallimento.

software risorse umane

5. Non riconoscere una buona prestazione.

I team leader devono essere leader dell’azienda e dare l’esempio, consentendo ai loro subordinati di distinguersi e riconoscerli per questo. Dare credito a contributi di valore quando è meritato è fondamentale per contribuire alla produttività dei lavoratori e affinché si sentano parte integrante degli obiettivi dell’azienda.

6. Confondere il ruolo di chi è sotto la propria supervisione.

Sebbene siano sotto il nostro comando, quelle persone che compongono un gruppo di lavoro hanno volontà, opinioni, motivazioni e una vita propria. Quando si assegna un compito, si fornisce un feedback o si comunica un problema, non si dovrebbe mai perdere di vista il fatto che abbiamo a che fare con persone a tutto tondo come chiunque altro, ma solo con un grado di lavoro diverso.

7. Investire i soldi nel posto sbagliato.

Inutile migliorare il clima aziendale investendo in profumazioni automatiche se i dipendenti non sono soddisfatti della velocità del WiFi dell’ufficio. Prima di allocare fondi per benefici stravaganti, scegli di creare piani di carriera, opzioni di crescita e riconoscimento che trattengano il talento.

8.  Il “pugno di ferro”.

Sì, il compito di tutti i capi è dare forma e direzione ai team. Ma questo non significa dirigere ogni azione dei dipendenti al millimetro. L’obiettivo finale dovrebbe essere sempre quello di dotarli di strumenti che li aiutino a essere autosufficienti e ad acquisire fiducia nella loro capacità di innovare e aggiungere valore all’azienda.

9. Cattiva gestione delle emozioni.

Un capo irascibile e nervoso può portare solo a una cosa: un team molto stressato. Quando i team non si sentono a proprio agio, il clima aziendale e la cultura ne risentono e la produttività diminuisce. Sapere come gestire gli impulsi e applicare l’ascolto attivo è la chiave per creare uno spazio di comunicazione trasparente ed efficace.

10. Nascondersi dagli altri.

Quando le cose non vanno bene, nelle aziende è un classico dare la colpa ad altri colleghi, aspettandosi che ricevano rimproveri. Questo non è solo eticamente riprovevole, ma è una manovra infantile che fa sembrare la persona che lo usa peggio del presunto autore in questione. La disonestà o il senso di colpa indiretto non fanno che aumentare la sfiducia e danneggiare la credibilità,  per cui bisogna creare un clima aziendale in cui in dipendete si senta comodo nell’assumersi la piena responsabilità dei propri compiti.

Il clima aziendale o clima di lavoro è un aspetto fondamentale che fa la differenza nelle aziende, non solo quando si tratta di “conquistare” il talento, ma anche quando si tratta di trattenerlo, raggiungere la massima soddisfazione e produttività, raggiungendo gli obiettivi aziendali.

Dimentica i noiosi processi HR quotidiani che fanno perdere tempo e delega le tue attività a un software HR all-in-one specializzato che puoi ottenere oggi senza scaricare programmi!

✅ Prova il software di Factorial per ottimizzare le risorse e concentrarti sul miglioramento dell’ambiente di lavoro!

This post is also available in: Español

Related Posts

Lascia un commento