Vai al contenuto

Talent acquisition e digitalizzazione: i processi di recruiting 2.0 [+ Checklist]

·
9 minuti di lettura
talent acquisition

Qual è il tuo processo di talent acquisition? Sai come puoi migliorare le pratiche di talent acquisition management?

L’acquisizione dei talenti in azienda è uno dei processi più delicati che coinvolge il reparto HR. L’obiettivo è acquisire risorse che siano qualificate ma anche disponibili a migliorarsi e ad allinearsi agli obiettivi aziendali. 

Come avrai notato ci troviamo in un periodo storico molto particolare per quanto riguarda il mercato del lavoro. Da un lato la digitalizzazione e in generale le nuove tecnologie rendono oggi possibile trovare e acquisire talenti potenzialmente residenti in qualsiasi parte del mondo. 

Dall’altro lato però rimane difficile acquisire talenti davvero bravi e di prospettiva. I più bravi e preparati vengono contesi dalle organizzazioni, le quali si stanno adoperando per garantire un welfare aziendale e piani di crescita e sviluppo in linea con le esigenze personali delle risorse. 

Insomma, l’HR talent acquisition è un processo complesso che richiede un continuo monitoraggio e perfezionamento. In questo articolo scoprirai cosa si intende per processi di recruiting 2.0, come puoi migliorare le pratiche di talent acquisition management e come appositi software HR possono aiutarti a trovare e formare nuovi talenti da inserire in azienda.


Scarica qui la checklist per il Recruiting

Talent acquisition cos’è? 

Cosa si intende per talent acquisition, in italiano l’acquisizione dei talenti? Possiamo definirla come quel processo continuo che porta a sviluppare una strategia efficace in grado di attrarre i migliori talenti.  

La talent acquisition 2.0 mira a superare il semplice concetto di reclutamento (recruiting). Un processo quest’ultimo che prevedeva fondamentalmente di: 

  • Pubblicare l’annuncio di lavoro 
  • Selezionare i curricula ricevuti 
  • Invitare i candidati selezionati al colloquio 
  • Assumere i migliori profili 

L’acquisizione dei talenti mira a superare il suddetto processo. Oggi le organizzazioni attuano piani complessi di employer branding che prevedono, oltre a quanto già incluso nel normale reclutamento: 

  • Gestione delle relazioni con i potenziali nuovi talenti 
  • Piani di onboarding definiti e personalizzati 
  • Percorsi di sviluppo e crescita della risorsa 
  • Costante allineamento tra gli obiettivi aziendali e gli obiettivi di carriera

👉 Leggi l’articolo “Recruiting: le 10 tecniche per la ricerca e selezione dei talenti”.

💡 Sai come fare recruitment nel settore tecnologico e dell’informatica? Scarica questa guida gratisi! 👇
Scarica QUI la guida al Recruitment IT

HR talent acquisition: come cambia il reparto delle risorse umane 

Le novità appena riportate coinvolgono direttamente il reparto HR, il quale ha necessità a sua volta di acquisire nuove competenze. Probabilmente dovrai inserire o avvalerti di risorse specializzate che possano aiutare i recruiter stessi a rivedere i modi in cui le risorse vengono:  

  • Identificate 
  • Selezionate 
  • Inserite in azienda 

È per questi motivi che sempre più medio grandi organizzazioni tendono a esternalizzare parte del processo di recruiting affidandosi ad agenzie esterne (talent acquisition partner), oppure a inserire figure specializzate nel ruolo di talent acquisition specialist e talent acquisition manager.

Quanto appena detto serve a capire che la gestione dell’acquisizione dei talenti o talent acquisition management è oggi un aspetto cruciale in ogni azienda, sia per le PMI che per le grandi imprese. Gli obiettivi sono molteplici: 

  • Colmare il gap di competenze (skill gap) 
  • Migliorare l’immagine dell’azienda all’esterno 
  • Disporre di forza lavoro diversificata 
  • Migliorare le prestazioni complessive dei lavoratori 
  • Rendere il quanto più efficienti i processi di assunzione  

Come puoi quindi migliorare i processi di selezione, acquisizione e onboarding in azienda? Come si stanno muovendo le realtà più innovative? 

Il ruolo del talent acquisition partner 

Tra le figure emergenti nate con l’obiettivo di migliorare i reparti HR delle organizzazioni vi sono i partner di acquisizione talenti. Si tratta di professionisti esterni i quali fondamentalmente affiancano People Manager e recruiter nei processi di selezione del personale. 

L’obiettivo dei talent acquisition partner è duplice. Da un lato puntano a risolvere un problema immediato, quello cioè di aiutare l’azienda a trovare nuovi talenti da inserire in organico. Dall’altro si concentrano nell’ottimizzare l’intero processo di talent acquisition management. I talent partner svolgono un lavoro a tempo determinato. Si tratta di figure di supporto da inserire in azienda.

Tra i compiti da loro svolti si annoverano: 

  • Analisi del processo di selezione e onboarding aziendale
  • Sviluppo di processi e nuove strategie per l’acquisizione dei talenti 
  • Introduzione di software HR 
  • Miglioramento delle job description 
  • Lavoro di reportistica e monitoraggio
  • Preselezione dei candidati 
  • Sessioni di formazione e coaching rivolte al personale HR 
  • Miglioramento dei profili social aziendali 
  • Pianificazione di nuove strategie con il reparto marketing  

👉 Scopri cos’è l’headhunting e come ottimizzarlo nella tua azienda.

Scarica QUI la guida alla digitalizzazione dei processi aziendali

Il ruolo del talent acquisition specialist e del talent acquisition manager

In alternativa puoi pensare di assumere un talent acquisition specialist. La figura, diversamente dal caso precedente, non svolge il ruolo di collaboratore esterno. È un lavoratore dipendente a tutti gli effetti specializzato in processi di recruiting 2.0. 

Ma un talent acquisition specialist cosa fa? Il suo ruolo è molto simile al talent acquisition partner. Si occupa quindi di lavorare con recruiter e People Manager con l’obiettivo di migliorare i processi di acquisizione di nuovi talenti

Grazie a questa figura potrai rapidamente rivedere e migliorare vari aspetti, beneficiando di nuovi criteri per la selezione dei talenti, nuovi metodi per la ricerca di potenziali candidati, oltre che delle competenze di un supervisore in grado di sviluppare una nuova strategia di employer branding di lungo periodo. 

Nel caso in cui la tua organizzazione sia medio grande, potresti pensare a un talent acquisition manager. In questo caso quindi ti avvali di una figura a cui affidare ancora più responsabilità. Il manager infatti sarà il primo responsabile di tutto ciò che concerne il reclutamento, l’assunzione e le politiche volte a mantenere i nuovi talenti in azienda.

Come manager è tenuto, ad esempio a:

  • Definire nuovi KPI di reclutamento 
  • Trovare il candidato giusto per i ruoli più difficili in azienda 
  • Individuare eventuali colli di bottiglia 
  • Insegnare a sfruttare al massimo i software HR (talent acquisition software) 
  • Progettare e seguire l’intero processo di selezione 

Riassumendo puoi migliorare la talent acquisition aziendale in tre modi. Rivolgendoti a un talent acquisition partner, assumendo un talent acquisition specialist, o assumendo un talent acquisition manager.

La strada migliore da percorrere dipende dalle risorse che hai a disposizione, dagli obiettivi che intendi raggiungere e dall’attuale livello di competenze e preparazione dei lavoratori operanti nel reparto HR. 

👉 Leggi anche l’articolo “HR recruitment: la guida definitiva con strategie, KPI e Checklist gratuita”.

💡 Qui puoi trovare una risorsa da scaricare gratuitamente per misurare i KPI del dipartimento HR.

👉 O infine “Talent management: la gestione dei talenti in azienda dal recruiting alla retention”.

Talent acquisition management quali best practices e strategie 

Non resta ora che vedere in pratica in quali aree è possibile intervenire per migliorare i processi di acquisizione dei talenti.

Come abbiamo visto in precedenza aspetti quali: le nuove preferenze della generazione Z, il crescente utilizzo della tecnologia (software, cloud, AI, marketing digitale), la necessità di assumere lavoratori in grado di rispondere alle reali esigenze aziendali, sono tre macro aspetti che rendono necessario rivedere la talent acquisition management. Ma da dove partire?

Attira i talenti 

Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di avvicinare i nuovi talenti e non cercarli. Un manager dell’acquisizione dei talenti può aiutarti elaborando un’efficace strategia di marketing che possa effettivamente avvicinare e incoraggiare potenziali candidati a inviare il curriculum. 

Le strategie attuabili per attirare nuovi talenti sono molteplici, ma non possono prescindere da un sito web interattivo, da pagine social aggiornate, da coinvolgenti storytelling riguardo la cultura aziendale.  

👉 Leggi anche “Recruiting Linkedin: come sfruttarlo nel processo di ricerca e selezione del personale”.

Migliora i processi di selezione

Successivamente ciò che potresti pensare di fare è migliorare i processi di selezione. Per riuscire in ciò è essenziale preparare uno schema riassuntivo di tutte le caratteristiche che un candidato deve possedere affinché il suo curriculum possa essere valutato.

Di conseguenza, l’invito è quello di definire: 

  • Quali titoli e qualifiche prendere in considerazione 
  • Di quali abilità e competenze (hard e soft) hai bisogno 
  • Quali personalità si adattano all’etica, la cultura e i valori dell’azienda

Una volta definiti questi aspetti dovrai concentrarti sull’annuncio di lavoro. È importante in questa fase creare delle descrizioni intelligenti che possano effettivamente attirare il candidato giusto e generare lead. 

Distingui la talent acquisition per ruoli

Sempre in un’ottica di miglioramento dei processi di selezione puoi pensare di creare dei percorsi distinti di ricerca e selezione del personale a seconda della posizione lavorativa richiesta. 

Questa attenzione è necessaria perché a seconda del ruolo cambiano le esigenze e le aspettative tanto del lavoratore quanto dell’azienda. Ad esempio, trovare un giovane talento per una posizione junior implica cercare i candidati in specifiche piattaforme, come anche assicurare loro un percorso di carriera allineato alle esigenze di un talento under 30. 

Diversamente trovare il candidato giusto per una posizione senior, vuol dire adottare una strategia differente. Probabilmente il lavoratore senior ha altre esigenze, non frequenta le stesse piattaforme utilizzate da un aspirante lavoratore junior e ha necessità di un percorso di carriera allettante che possa convincerlo a cambiare azienda. 

👉 Leggi anche la guida “Come trovare personale da assumere: la guida completa 2022″.

Analizza i tassi di conversione

Una talent acquisition idealmente è perfetta quando ogni curriculum ricevuto od ogni lavoratore segnalato da figure come il talent acquisition specialist, è potenzialmente idoneo per la posizione lavorativa richiesta. 

Chiaramente è impossibile che si verifichi uno scenario del genere, tuttavia, dovresti perfezionare le strategie di acquisizioni migliorando di gran lunga i tassi di conversione. 

Un costante monitoraggio del suddetto tasso di conversione può essere un buon indicatore da visionare al fine di comprendere la reale efficacia delle politiche adottate.

Coinvolgi i lavoratori

HR talent recruiting 2.0 vuol dire anche coinvolgere maggiormente i lavoratori nei processi di selezione del personale. Questi infatti, andrebbero incoraggiati a segnalare possibili candidati da assumere in azienda. In questo modo attiverai una politica di selezione del personale basata anche sul referral dei dipendenti che può portare a ottimi e insperati risultati.  

👉 Leggi l’approfondimento “Recruiting online: come ottimizzare il processo di selezione”.

Favorisci la mobilità interna

Una delle strategie di talent acquisition più efficaci consiste nel preparare a svolgere nuovi ruoli e mansioni ai dipendenti già presenti in azienda. Per raggiungere l’obiettivo è essenziale che tu sia consapevole di quali sono i lavoratori con più talento in azienda e quali competenze hanno bisogno di acquisire per ricoprire un altro ruolo o mansione. 

Non è detto che la mobilità interna debba essere necessariamente di tipo verticale, puoi anche pensare a una mobilità orizzontale comunque pensata per far crescere professionalmente il lavoratore. 

talent acquisition recruiting

Migliora l’onboarding

Assicurarsi un talento è sicuramente un ottimo risultato. Il passo successivo è ora assicurare un percorso d’inserimento il quanto più rapido possibile. Ancora una volta un talent acquisition specialist o manager può aiutarti a definire piani di onboarding digitali che possano assicurarti di far esprimere tutto il talento del nuovo lavoratore assunto nel minor tempo possibile. 

👉 Leggi l’articolo “Onboarding aziendale: come si può digitalizzare?”.

Continua a perfezionare la talent acquisition

Dovresti intendere la talent acquisition come un processo da migliorare continuamente. Puoi ad esempio raccogliere feedback, organizzare riunioni e coinvolgere il più possibile sia i lavoratori sia coloro che si occupano di ricerca e selezione del personale

Le pratiche di talent acquisition management richiedono un costante investimento di tempo e risorse, un investimento che però porta presto tangibili risultati e benefici per l’organizzazione. 

👉 Leggi anche “Ricerca del personale: le migliori tecniche di selezione [+ Checklist]”.

Fai la giusta pubblicità

Il marketing svolge un ruolo importante anche nella talent acquisition. Tendenzialmente sono i manager preposti all’acquisizione dei talenti coloro che elaborano un piano di marketing efficace che possa attirare i giusti candidati. Il lavoro da svolgere consiste nel: 

  • Scegliere le giuste piattaforme social 
  • Allocare correttamente le risorse 
  • Creare coinvolgenti e chiari annunci di lavoro
  • Promuovere e diffondere la cultura aziendale 

👉 Se ti interessa il tema del recruiting dai un’occhiata a questo articolo in cui parliamo di social recruiting, i suoi vantaggi e il suo utilizzo in Italia.

software per talent acquisition

HR talent acquisition quali tecnologie puoi utilizzare

La tecnologia ricopre un ruolo essenziale nel miglioramento delle pratiche di talent acquisition. In una piena epoca di digital transformation il rischio di perdersi tra le tante innovazioni è reale. 

Chiaramente non puoi pensare di stravolgere l’intero reparto HR da un giorno all’altro tuttavia è bene essere consapevoli che progressivamente tecnologia e automazione dovranno essere introdotte in azienda

Il primo passo che puoi fare in questa direzione è quello di utilizzare un software HR, una suite che contiene tutte le principali funzioni di cui ha bisogno oggi un reparto HR 2.0. Scopriamo come factorial può aiutare te e People Manager.

👉 Potrebbe interessarti questo articolo in cui ti spieghiamo come scegliere il miglior recruitment software gratuito.

Software per l’acquisizione di talenti

Factorial ti aiuta nel delicato passaggio verso la digitalizzazione. Factorial è molto più di un software HR. Ti permette di automatizzare tutta una serie di operazioni ripetitive, dalla rilevazione degli orari d’ingresso e d’uscita dei lavoratori, fino alla pianificazione delle ferie.

Tutti i lavoratori inoltre dispongono di uno spazio personalizzato dove gestire i documenti, le comunicazioni e tutti gli aspetti più importanti della giornata lavorativa. 

Le funzionalità non finiscono qui. Come anticipato il software è completo e ti permette anche di facilitare il lavoro dei talent acquisition specialist grazie alla presenza di funzionalità quali: 

  • Sistema per il tracciamento dei candidati 
  • Onboarding dei dipendenti 
  • Analisi del rendimento e delle prestazioni

Con un unico software HR potrai quindi fare un importante passo avanti verso un miglioramento complessivo delle pratiche di talent acquisition management, migliorando, facilitando e automatizzando allo stesso tempo anche altri compiti e mansioni in carico al reparto. 

Talent acquisition e digitalizzazione: le conclusioni 

In questo approfondimento abbiamo visto che il cambio delle esigenze dei lavoratori, soprattutto tra i più giovani, e l’avvento di nuove tecnologie, sono due fenomeni da non sottovalutare. 

Come titolare d’azienda o People Manager devi tenerne conto, iniziando sin da subito a perfezionare le politiche in ambito HR così da adeguarti al più presto ai tempi che corrono. 

Muoversi nella direzione tracciata in questo articolo, ti permetterà, in conclusione di affrontare il futuro con più tranquillità, di avvicinare con meno sforzi nuovi talenti e soprattutto di accogliere le nuove tecnologie in maniera graduale senza il rischio di dover d’improvviso apportare cambiamenti radicali e improvvisi in azienda.

software per talent acquisition

✅ Prova Factorial gratis e ottimizza i processi di recruitment e talent acquisition in azienda!

 

Nata a Firenze e laureata in Scienze Politiche (in particolare Comunicazione e Giornalismo) all’Università di Firenze. In Italia ha lavorato come giornalista ed ha collaborato con diversi siti web dedicati al mondo dell’attualità. Adesso vive a Barcellona ed è Content Marketing Specialist in Factorial e si occupa della creazione dei contenuti del mercato italiano. Il suo obiettivo è dare supporto, ispirazione e strumenti per far conoscere il mondo delle Risorse Umane e far crescere la community HR. Ama l’avventura, la natura, viaggiare e giocare a pallavolo.

Post correlati