Vai al contenuto
fondi-di-solidarietà

Fondi di solidarietà 2022: cosa sono, come funzionano e tutte le novità

Cosa sono i fondi di solidarietà? Come possono aiutare le aziende nel sostegno dei propri dipendenti?

La crisi economica portata dalla pandemia di coronavirus ha influenzato (e continua ad influenzare) il nostro panorama tanto a livello sociale quanto economico. Per sostenere le aziende in difficoltà, nei mesi scorsi il Governo ha introdotto ed espanso una serie di ammortizzatori sociali come la cassa integrazione INPS a tutela dei dipendenti.

Nonostante questo sono ancora molte le aziende che si vedono escluse dalla copertura di queste iniziative di integrazione salariale o che necessitano di un’ulteriore supporto.

Proprio per sopperire a questa mancanza, sono stati istituiti i fondi di solidarietà.

In questo articolo scopriamo insieme cosa sono i fondi di solidarietà, come funzionano e quali sono le principali novità per il 2022.

Scarica QUI il Kit People Manager 2022

Cosa sono i fondi di solidarietà

Partiamo col definire nello specifico l’argomento di cui stiamo parlando andando a definire cosa sono i fondi di solidarietà.

I fondi di solidarietà (definiti anche fondi di solidarietà bilaterali) sono uno degli ammortizzatori sociali previsti dalla legge italiana. Rappresentano degli strumenti volti a sostenere il reddito dei dipendenti in caso di sospensione temporanea o cessazione definitiva dell’attività lavorativa di aziende che appartengono a settori produttivi non coperti dalla normativa ordinaria relativa alla cassa integrazione ordinaria o straordinaria.

Costituiscono inoltre una forma di integrazione per i dipendenti di aziende che appartengono a settori già coperti dalla normativa ma la cui applicazione non sia sufficiente a sostenere il reddito.

I fondi di solidarietà più conosciuti sono:

  • Fondo Poste
  • Fondo Credito
  • Fondo Assicurativi
  • Fondo Trasporto Pubblico
  • Fondo Credito Cooperativo
  • Fondo d’Integrazione Salariale (FIS) – INPS
  • Fondo di solidarietà del Trentino
  • Fondo Trasporto Aereo
  • Fondo di solidarietà di Bolzano – Alto Adige
  • Fondo di solidarietà per i lavoratori del settore marittimo – SOLIMARE

Per quanto riguarda la fonte legislativa, i fondi di solidarietà sono disciplinati dall’articolo 26 del dlgs n.148/2015 e successivi.

💡 Oltre ai fondi di solidarietà, esistono anche altri vantaggi per le piccole e medie imprese. Hai mai sentito parlare del voucher per la digitalizzazione delle aziende? Qui ti spieghiamo come funziona.

Fondi di solidarietà bilaterali alternativi

Ecco un altro tipo di fondo di solidarietà. I fondi di solidarietà bilaterali alternativi sono fondi relativi ai settori dell’artigianato e della somministrazione di lavoro nei quali già operavano consolidati sistemi di bilateralità e rispetto ai quali le organizzazioni sindacali e imprenditoriali comparativamente più rappresentative hanno adeguato alla data di entrata in vigore del decreto legislativo di cui sopra (148/2015) le fonti normative e istitutive dei rispettivi fondi bilaterali, dei fondi interprofessionali o del fondo di all’art.12 del dlgs. 276/2003, alle finalità perseguite con i Fondi bilaterali di nuova costituzione.

Secondo il dlsg. i fondi di solidarietà bilaterali alternativi devono assicurare almeno una delle prestazioni di seguito:

  • un assegno di durata e misura pari all’assegno ordinario del FIS
  • un assegno di solidarietà eventualmente limitandone il periodo massimo a 12 mesi in un biennio mobile, prevedendo un periodo massimo non inferiore a 26 settimane in un biennio mobile.

fondi-di-solidarietà-dipendenti

FIS: Il fondo di integrazione salariale dell’INPS

Non tutte le aziende dispongono di contratti specifici o accordi collettivi che definiscano la creazione di un fondo di solidarietà specifico. Cosa accade quindi ai datori di lavoro che ricadono in questa situazione?

La legge prevede che, in assenza di contratti o accordi collettivi che prevedano la creazione di un fondo di solidarietà apposito, le aziende che occupano in media più di 5 dipendenti possano ricevere le prestazioni del Fondo di integrazione salariale istituito presso l’INPS, meglio conosciuto come FIS.

Come funzionano i fondi di solidarietà

Per quanto riguarda il funzionamento dei fondi di solidarietà è importante ricordare che l’erogazione delle prestazioni a sostegno del reddito per i lavoratori è presa in carico dall’INPS.

Le prestazioni economiche vengono finanziate grazie al versamento di contributi ordinari, che sono ripartiti tra azienda e dipendente nel modo seguente:

  • 2/3 a carico dell’azienda
  • 1/3 come trattenuta in busta paga al dipendente

La prestazione principale erogata dai fondi di solidarietà tramite l’INPS è l’assegno ordinario, ovverosia un’integrazione salariale con un importo almeno pari alla normale cassa integrazione guadagni prevista dalla legge. La durata dell’assegno ordinario non dovrà in nessun caso essere:

  • Inferiore a 13 settimane all’interno di un biennio mobile
  • Superiore ai limiti previsti per la CIGO e la CIGS.

Oltre alla finalità di assicurare ai lavoratori la tutela del proprio rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, i fondi possono avere le seguenti finalità:

  • assicurare ai lavoratori prestazioni integrative, in termini di importi o durate, rispetto alle prestazioni previste dalla legge in caso di cessazione del rapporto di lavoro, ovvero prestazioni integrative, in termini di importo, rispetto a trattamenti di integrazione salariale previsti dalla normativa vigente;
  • prevedere assegni straordinari per il sostegno al reddito, riconosciuti nel quadro dei processi di agevolazione all’esodo, a lavoratori che raggiungano i requisiti previsti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato nei successivi cinque anni;
  • contribuire  al  finanziamento  di  programmi  formativi  di riconversione o riqualificazione professionale, anche in concorso con gli appositi fondi nazionali o dell’Unione europea.

Come abbiamo visto, oltre alla prestazione economica diretta, possono essere forniti anche finanziamenti alla formazione aziendale dei dipendenti, prestazioni integrative o di emergenza nei casi di cessazione del rapporto di lavoro, come anche assegni straordinari a favore di determinate categorie di lavoratori fino alla maturazione del loro diritto alla pensione.

Le novità dei fondi di solidarietà 2022

Anche in seguito all’approvazione della nuova legge di bilancio, anche i fondi di solidarietà hanno subito delle variazioni rispetto all’anno scorso. Vediamo insieme le principali novità relative ai fondi di solidarietà per il 2022.

Novità 2022 sul limite dipendenti per i fondi di solidarietà

La prima novità per quanto riguarda questi strumenti di integrazione del reddito riguarda il limite di dipendenti delle aziende a cui è applicata la normativa.

La Manovra Finanziaria 2022 (secondo quanto si legge all’articolo 57) prevede, a partire dal 1° gennaio 2022, la creazione da parte delle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale, di fondi di solidarietà bilaterali per i datori di lavoro che non rientrano nel campo di applicazione della CIG ed occupino “almeno un dipendente”.

Il cambiamento, quindi, riguarda l’abbassamento della soglia minima di 5 dipendenti prevista fino ad ora dalla normativa. Il cambio interesserà anche i fondi di solidarietà bilaterali alternativi dei settori artigianato e somministrazione del lavoro.

Per quanto riguarda i fondi già costituiti, essi dovranno adeguarsi alle nuove disposizioni entro il 31 dicembre 2022. In caso contrario le aziende in questione ed il relativo versamento dei contributi rientreranno automaticamente nella sfera di competenza del Fondo di integrazione INPS (FIS) a partire dal 1° gennaio 2023.

👉🏻 Sai come dimostrare la costanza e la regolarità dei pagamenti e degli adempimenti contributivi nei confronti dei tuoi dipendenti? Puoi richiedere il DURC online, un documento essenziale per l’azienda.

Scarica QUI l’infografica Digitalizzazione PMI

Novità 2022 sul fondo di integrazione salariale INPS (FIS)

Come abbiamo accennato e come si evince dal sito web del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Fondo di Integrazione Salariale (FIS) opera nei riguardi dei datori di lavoro che occupano mediamente più di cinque dipendenti appartenenti a settori, tipologie e classi dimensionali non rientranti nell’ambito di applicazione della normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria e che non hanno costituito fondi di solidarietà bilaterali o fondi di solidarietà bilaterali alternativi di cui all’art. 27 del dlsg. n. 148/2015.

Il FIS garantisce a tali datori di lavoro due tipi di prestazioni riguardanti:

  • L’assegno ordinario a copertura dei periodi di sospensione o riduzione dell’orario di lavoro
  • L’assegno di solidarietà nel rispetto del tetto di durata pari a dodici mesi in un biennio mobile per evitare licenziamenti per giustificato motivo oggettivo

Come abbiamo visto la finanziazione del fondo avviene per contributi (per ⅔ a carico del datore di lavoro e per ⅓ a carico del dipendente) calcolati con le seguenti aliquote:

  • 0,45% per le aziende fino a 15 dipendenti
  • 0,65% per le aziende oltre i 15 dipendenti

Per quanto riguarda le novità per il FIS in questo 2022, ci rifacciamo nuovamente al decreto relativo all’ultima legge di bilancio. All’articolo 59, in modifica all’articolo 29 del più volte nominato Dlgs. n. 148/2015, amplia le prestazioni del FIS, a partire dal 1° gennaio 2022, anche ai datori di lavoro che occupino almeno un dipendente, al pari di quanto previsto per i fondi di solidarietà bilaterali ed alternativi.

Per quanto riguarda gli assegni ordinari “per i periodi di sospensione o riduzione dell’attività decorrenti dal 1° gennaio 2022” la prestazione è riconosciuta nel rispetto dei seguenti limiti di durata:

  • 13 settimane in un biennio mobile ai datori di lavoro che “nel semestre precedente la data di presentazione della domanda, abbiano occupato mediamente fino a cinque dipendenti
  • 26 settimane in un biennio mobile ai datori di lavoro che “nel semestre precedente la data di presentazione della domanda, abbiano occupato mediamente più di sei dipendenti

Nel 2022 vengono modificate anche le aliquote relative ai  i contributi destinati a finanziare il FIS stesso. A partire dal 1° gennaio 2022 le aliquote passeranno:

  • Allo 0,50% per le aziende fino a 5 dipendenti
  • Allo 0,80% per le aziende con più di 5 dipendenti

In ultima battuta un cambiamento anche riguardo all’assegno di solidarietà: verrà riconosciuto l’assegno di solidarietà anche per i “periodi di sospensione o riduzione dell’attività fino al 31 dicembre 2021”.

Software HR Factorial

✅ Prova Factorial gratis per 14 giorni e scopri tutte le funzionalità per far crescere la tua azienda!

 

Isotta è Content Marketing Specialist in Factorial ed è appassionata di comunicazione, copywriting, social media e HR. Ama la natura, viaggiare e giocare a pallavolo.

Post correlati

Hai qualche dubbio o qualcosa da aggiungere? Chiedilo alla Community HR!

Non essere timido e chiedi alla Community dei professionisti delle Risorse Umane!