Come la quarantena influisce sulla salute mentale dei dipendenti

Da quando l’epidemia di coronavirus (COVID-19) è cominciata, la vita delle persone di tutto il mondo è cambiata radicalmente. I negozi e i ristoranti sono chiusi così come alcune piccole imprese, le scuole e le università educano i ragazzi da casa tramite lezioni online, e i dipendenti di molte aziende sono costretti a lavorare da remoto.

Questa situazione ci ha presentato nuove sfide che riguardano la salute mentale e il benessere dei lavoratori. Per molti dipendenti questa è la prima volta che lavorano da remoto, e ciò presenta nuovi ostacoli e sfide.

Ma ciò non è l’unica cosa che affligge i lavoratori al momento. Essere isolati da amici e familiari è una delle principali difficoltà per molti.

Inoltre, anche le nostre routine quotidiane sono mutate radicalmente, il che ci rende più suscettibili all’ansia, allo stress e al panico. Mentre prima della pandemia era abbastanza comune per i datori di lavoro sostenere  la salute fisica e mentale dei dipendenti incentivando le iscrizioni in palestra e ad altre attività di svago, in questo periodo non è più possibile.

Continuare a supportare i dipendenti durante la quarantena dovrebbe essere in cima alle priorità di tutti i datori di lavoro. Oggi discuteremo delle strategie che i manager possono adottare per supportare i loro lavoratori mentre sono in quarantena.

Lo smart working durante l’epidemia di Coronavirus

I lavoratori sono stati incoraggiati a lavorare da casa durante la pandemia di COVID-19. Questo è il risultato di uno sforzo globale per prevenire la diffusione del virus, con la speranza di tornare alla normalità il prima possibile. Tuttavia, ciò presenta una serie di problemi, poiché i dipendenti devono adattarsi rapidamente a situazioni sconosciute. Alcune delle principali lotte che i dipendenti stanno affrontando attualmente includono:

Capovolgimento della normale routine

Oggi più che mai, lo stile di vita quotidiano è stato capovolto. Molti troveranno difficile adattarsi ad una nuova routine. I dipendenti potrebbero non essere efficienti come prima poiché  non possono seguire le loro normali abitudini. Ciò potrebbe comportare il risveglio tardi, mangiare a intervalli irregolari, non fare esercizi o allenamenti. È importante incoraggiare i dipendenti a seguire una routine regolare, nonostante le circostanze insolite.

Gestire i figli piccoli durante la quarantena

Poiché le scuole sono attualmente chiuse, i genitori sono costretti a gestire da soli i propri bambini, aiutarli a studiare, accudirli e intrattenerli. Tutto questo, oltre a dover lavorare. È importante che i datori di lavoro comprendano che l’orario lavorativo di queste persone dovrà essere adattato alla nuova situazione. Se le esigenze dei loro figli non vengono soddisfatte, la produttività dei dipendenti in questione potrebbe peggiorare e influire sull’esecuzione delle loro attività quotidiane.

Limitazioni tecnologiche

Alcuni dipendenti potrebbero riscontrare problemi tecnici a casa. Ad esempio, la loro connessione Internet potrebbe essere più lenta che in ufficio e potrebbero verificarsi problemi con il segnale durante la connessione alle riunioni. Di conseguenza, i dipendenti potrebbero essere più lenti nello svolgere le loro normali attività. Tuttavia, esistono numerosi strumenti e risorse online gratuiti per aiutare il personale a lavorare da casa.

Parliamo di salute mentale durante la quarantena

I cambiamenti della routine a causa della quarantena possono essere dannosi per la salute mentale. I dipendenti possono iniziare a sentirsi soli a causa dell’isolamento sociale, soprattutto se vivono da soli. Di conseguenza, possono iniziare a sentirsi ansiosi o depressi. Le loro ore di sonno possono diventare irregolari e l’insonnia potrebbe prendere il sopravvento per svariati fattori, come l’ ansia dovuta a non avere abbastanza aria fresca o non fare abbastanza attività fisica.

Inoltre, anche le abitudini alimentari delle persone che soffrono di ansia possono mutare  e porta gli individui a saltare i pasti o a mangiare qualcosa di veloce e poco sano. Se sono fumatori, possono iniziare a fumare molto, altri possono iniziare a consumare grandi quantità di alcol ecc.

È stato dimostrato che l’effetto dell’isolamento prolungato ha un impatto enorme sulla salute psicologica dei dipendenti. Di conseguenza, situazioni come questa influiscono facilmente sulla produttività dei dipendenti quando non viene fornito il giusto supporto. Esploriamo alcune strategie che puoi applicare per un maggiore supporto:

1- comunicazione

È importante notare che l’allontanamento sociale non significa isolamento sociale. Pertanto, è essenziale incoraggiare il personale a rimanere in comunicazione regolare con gli altri colleghi e con i loro cari. Questo potrebbe essere fatto programmando riunioni regolari o chiamate in videoconferenza per parlare  faccia a faccia con i membri del team. E ricorda, chiedere a tutti come stanno dovrebbe essere una pratica quotidiana. Proprio come saluteresti i tuoi colleghi ogni mattina in ufficio.

È importante creare un area di lavoro adeguata, che sia pulita, ariosa, spaziosa e lontana dalla TV o da altre distrazioni. Ciò contribuirà a creare un’atmosfera favorevole per lavorare al meglio. È anche utile incoraggiare i dipendenti ad utilizzare due stanze differenti da dedicare al lavoro e al relax. Ciò separerà lo spazio di lavoro da quello per il tempo libero a casa.

3- Mantenere una buona routine durante la quarantena

Organizzare incontri quotidiani mattutini per incoraggiare i dipendenti a essere pronti per la giornata lavorativa. Allo stesso modo, l’impostazione di orari specifici per le pause e l’ora di pranzo fa sì che il personale faccia pause regolari. L’obiettivo è quello di infondere un senso di routine e normalità nella vita quotidiana dei dipendenti. Ora, nel caso in cui la tua azienda abbia orari di lavoro flessibili, puoi continuare a mantenerli; tuttavia, è una buona idea far sapere ai colleghi quando inizi a lavorare, vai a pranzo e finisci la giornata.

4- Comprensione dell’ambiente domestico dei dipendenti

In ufficio, non è sempre necessario che un datore di lavoro sia molto interessato alla vita personale dei dipendenti. Tuttavia, con i dipendenti che lavorano da casa, i datori di lavoro devono comprendere ed essere comprensivi delle loro condizioni di vita. Ad esempio, durante questo periodo i lavoratori possono avere figli o altre persone a carico a casa. È essenziale che questo sia compreso e accettato.

5- Incoraggiare la disconnessione

Una strategia per prendersi cura della salute mentale potrebbe essere quella di suggerire la disconnessione dal lavoro. La meditazione, la lettura, lo yoga e la pittura sono tutti ottimi esempi di cose che i dipendenti possono fare al di fuori dell’orario di lavoro. I colleghi potrebbero creare un club del libro online o una lezione di yoga per socializzare al di fuori dell’orario di lavoro. Ciò non solo manterrà la salute mentale sotto controllo, ma aumenterà anche la produttività.

Tutela della salute mentale dei dipendenti sul poso di lavoro

Queste strategie sono eccellenti in circostanze eccezionali, come durante questa epidemia di coronavirus. Tuttavia, è una buona idea per i datori di lavoro continuare ad affrontare la salute psicologica dei dipendenti in normali condizioni di lavoro. La salute mentale è una preoccupazione crescente nella società di oggi. Le persone sono più sotto pressione che mai sul posto di lavoro, nelle famiglie, nelle loro relazioni sociali e sui social media.

Pertanto, ora più che mai, le conversazioni su problemi di salute mentale, benessere emotivo e salute fisica dovrebbero avere tutte la stessa priorità. Non solo porterà a una società più felice, ma migliorerà la produttività e l’efficienza sul posto di lavoro.

software-risorse-umane

This post is also available in: English US Français Português PT

Leave a Comment